Home | Festival Economia | 2008 | «Bastian Contrari» al Festival dell’Economia

«Bastian Contrari» al Festival dell’Economia

Musica: tradizione e innovazione. - Patric Vaillant, Laurent Valette, Serge Pesce, Jean-Louis Ruf Costanzo, Jean-Luc Danna si esibiranno sabato 31 maggio a Romagnano.

image

«Bastian contrari» in occitano, ma anche in dialetto trentino, è colui che ha spirito di contraddizione, contesta e non si sottomette. Patrick Vaillant, magnifico polistrumentista nizzardo, riconoscendosi in questa definizione non solo come carattere ma anche per le inclinazioni musicali e la ricerca anticonformista sviluppata su uno strumento tradizionale come il mandolino, ha realizzato un album «Bastian contrari» che recupera questa idea. Proprio Vaillant sarà il protagonista del concerto di sabato sera, 31 maggio, al Teatro oratorio di Romagnano (dalle 21). Ad accompagnarlo quattro musicisti nizzardi al 100%, come lui «Bastian contrar»: Laurent Valette (harmonica), Serge Pesce (chitarra preparata), Jean-Louis Ruf Costanzo (mandoloncello) e Jean-Luc Danna (batteria).
L'opportunità di ascoltarli a Trento (nel nuovissimo Teatro di Romagnano), nell'ambito del Festival dell'Economia e della rassegna Planet world/Identità sonore, arriva da un breve tour di tre date che toccherà Udine, Trento e Varazze (dove si tiene annualmente un importante festival internazionale sul mandolino).
Il disco «Bastian contrari» è composto di undici canzoni originali, che costituiscono un viaggio fortemente pregno di elementi provenzali, ricco di imprevedibili colori sonori, arrangiamenti minuziosi, invenzioni, sberleffi, fuori da ogni schema, ma sempre accessibile e intrigante. Il nuovo lavoro di Patrick Vaillant, pioniere del genere neo-trad occitano, mandolinista innovatore, compositore, suggella un momento di fervore discografico se consideriamo che nel 2007 è uscito anche «Chin na na poun» (Daqui/Harmonia Mundi, 2007) con Manu Theron (canto) e Daniel Malavergne (tuba), un'opera dedicata al poeta e chansonnier Victor Gelu, mentre sta per uscire anche il terzo capitolo del «Melonius quartet», quartetto di mandolino moderno con cui Patrick ha avviato il suo percorso di «liberazione» di questo piccolo e antico strumento, una pacifica «battaglia» di libertà estetico-musicale che Patrick conduce attraverso il Fronte di liberazione del mandolino e il festival Mandopolis.
La carriera di Vaillant si avvia a superare la soglia dei trent'anni ed è ricca di pagine fondamentali della musica acustica e di radice tradizionale europea.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni