Home | Festival Economia | 2008 | Cooperazione: Ponte tra mercato e democrazia

Cooperazione: Ponte tra mercato e democrazia

L'organizzazione multi stakeholders come esempio di impresa democratica

image

Nelle giornate del Festival, il mondo della cooperazione incontra il popolo dello scoiattolo con un primo incontro dedicato a «Impresa cooperativa e democrazia economica».
Lorenzo Caselli, professore ordinario di economia e gestione delle imprese presso la facoltà di Economia dell'università di Genova, Victor Pestoff, ideatore del concetto di multi- stakeholder e Diego Schelfi, presidente della Federazione Trentina della Cooperazione, hanno discusso su tre concetti chiave: cooperazione, democrazia e concorrenza. A moderare il dibattito Mariangela Franch, professore ordinario di Marketing presso la Facoltà di Economia dell'Università di Trento.
Il professor Caselli ha evidenziato le potenzialità dell'impresa cooperativa, che si pone come ponte tra lo Stato ed il mercato, tra la dimensione pubblica e quella privata.
«L'impresa cooperativa - ha spiegato Lorenzo Caselli - può contribuire alla realizzazione di un'economia di mercato coerente con la rimozione dell'ingiustizia sociale e con la promozione di condizioni in grado di valorizzare le capacità e le potenzialità delle persone e dei gruppi sociali.» Sempre secondo il professore, infatti, l'impresa cooperativa presenta alcuni punti di forza: è dotata di stabilità ovvero radicata nella comunità; poggia sull'affidabilità, su relazioni di fiducia e di mutualità tra i soci; contribuisce all'aumento del capitale sociale e non ultimo genera processi partecipativi.

Concorde con questa tesi, anche Diego Schelfi.
«Quotidianamente la cooperazione applica i principi della democrazia, primo fra tutti quello della partecipazione: ogni anno 60.000 persone in Trentino si riuniscono e si confrontano in assemblee.»
Un esempio tangibile di cooperazione arriva da un paese di 400 abitanti della Valsugana, una valle, dove le associazioni ed i vari soggetti sociali hanno messo a disposizione l'un l'altro i propri servizi, riuscendo a motivare le persone e soprattutto a rilanciare l'economia locale.
Secondo Pestoff, non è detto però che la democrazia porti allo sviluppo economico, ma allora come si può rendere il mercato più democratico?
Un aiuto in tal senso può venire dall'organizzazione multi-stakeholders, dove i portatori di interesse vengono tutti rappresentati e prendono parte ai processi decisionali. Infatti, parlando di welfare state, alcuni sostengono che sia inefficiente ma se noi possiamo coinvolgere i cittadini nello stato sociale che fornisce i servizi possiamo renderli migliori.
Per quanto riguarda la partecipazione, l'attenzione del professore è rivolta alle nuove generazioni. A loro il compito (non facile) di ringiovanire la democrazia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni