Home | Festival Economia | 2009 | «Ecofisica», la parola magica che ci farà uscire dalla crisi

«Ecofisica», la parola magica che ci farà uscire dalla crisi

Alla Biblioteca comunale è sbarcato «Processo agli economisti», il libro di Roberto Petrini

image

Tornare a vedere spiragli di luce è possibile. Per farlo gli economisti la devono però piantare di essere supponenti, di pensarsi come terzi e di credere che la loro sia una scienza esatta.

Hanno sbagliato le previsioni; perso il contatto con la realtà; creduto esageratamente nel dio mercato; sono spesso incapaci di comunicare con la gente e detengono troppo potere. Non le manda a dire il giornalista di «Repubblica» Roberto Petrini nel suo ultimo libro «Processo agli economisti», edito da Chiarelettere.

Gli operatori del settore peccano troppo di supponenza. Sono convinti che le loro verità non ammettano repliche, confortatati da dati e sofisticati strumenti di analisi. Eppure, ed è anche il caso di alcuni premi Nobel, fanno errori macroscopici. Non previsione della crisi docet.
«Il perché è presto detto - commenta Petrini - ci si ostina a considerare la finanza come un mero insieme di dati, di modelli, di equazioni matematiche. Un atteggiamento miope che impedisce di vedere più lontano. Di scorgere le pulsioni, gli animal spirits tanto per dirla alla Akerlof, che vi stanno a fondo.»

È dunque necessario un cambio radicale di mentalità. Solo così ci si potrà buttare alle spalle l'anno nero. Un aiuto in tal senso potrebbe arrivare dall'ecofisica.
«Uscire cioè da una concezione della realtà legata al mero calcolo delle probabilità - spiega il giornalista di Repubblica - applicando metodi in grado di intercettare il "ciglio nero", ossia l'imprevisto.»

A gettarci in pasto alla crisi sono stati errori ideologici e non di previsione, afferma Giorgio Ruffolo, presidente del Centro Europa Ricerche.
Nessuno ha visto che l'iceberg della finanza si era staccato dal corpo dell'economia reale.
«Ci si è illusi - afferma Ruffolo - che il mercato lasciato a se stesso fosse un meccanismo dotato di autoregolazione.»
«Ma il mercato, - spiega il presidente del CER - in realtà è come un campo di battaglia. L'esito non è desumibile dalle forze in campo bensì da aspetti spesso imprevedibili.

Il badare ai fatti veri senza farsi travolgere dalla tecnicità della finanza, l'uso del buon senso avrebbero evitato licenziamenti, bancarotte, patemi d'animo. Ormai però il danno è fatto. Inutile guardarsi indietro. Adesso si può solo fare tesoro dei flop e cambiare rotta.
«Tocca alla politica regolare gli assi portanti dell'economia con buona pace dei liberisti. Come un buon padre con i propri figli.» - suggerisce a conclusione del suo intervento Ruffolo.

I tasti dolenti legati alla congiuntura non finiscono però qui. Secondo Annamaria Testa, consulente per la comunicazione dell'Università Bocconi di Milano, uno degli imputati è la mancanza di comunicazione che vi è stata al riguardo. Gli economisti non solo non l'hanno anticipata; non l'hanno nemmeno spiegata una volta essersi trovati in mezzo.
«Il loro sembra un dibattito tra chierici - azzarda Testa - chi non appartiene al loro mondo ne viene escluso.»
Un atto di leggerezza? Una strategia? Annamaria Testa non si sbilancia ma precisa che «Mettere in forma concetti complessi (attraverso ad esempio l'infografica, molto in voga all'estero) aiuterebbe a capire quanto essi stiano in piedi; quale sarebbe il loro vero valore».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni