Home | Festival Economia | 2009 | Quarta conferenza stampa: Spence, Glaeser e Algan

Quarta conferenza stampa: Spence, Glaeser e Algan

«Avevate previsto la crisi?» Spence e Algan: «No.» - Glaeser: «Sì, ma non globale...»

image

«Poniamo la stessa domanda a tutti gli economisti che si presentano in conferenza stampa. - diciamo quando ci passano il microfono. - Avevate previsto la crisi?»

Davanti a noi ci sono e il premio nobel Michael Spence, Yann Algan ed Edward L. Glaeser.
Spence ha ricevuto il premio Nobel per l'economia del 2001 per «lo studio dell'analisi dei mercati in presenza di informazioni asimmetriche». È presidente della Commissione sulla crescita e lo sviluppo patrocinata dalla banca Mondiale. Insegna, o ha insegnato, alla Business School dell'Università di Stanford e ad Harvard. È presidente di numerosi comitati scientifici e ha ricevuto riconoscimenti di tutti i generi.
Glaeser è docente di economia all'Harvard University, dirige alcuni importanti istituti di economia, è vincitore di numerosi premi e riconoscimenti scientifici. Tra i suoi principali interessi vi è l'economia delle città, con ricerche che riguardano la segregazione, i crimini, il luogo della vicinanza geografica in un momento in cui internet ha cancellato le distanze fisiche.
Spence insegna economia alla Paris School of Economics e alla University Paris Est. I suoi interessi di ricerca riguardano l'economia del lavoro, la macroeconomia, la disuguaglianza, il rapporto economia-cultura, le politiche pubbliche. Ha scritto parecchi interventi su importanti riviste scientifiche e pubblicato alcuni saggi.

«Prima di ascoltare le risposte - aggiungiamo, - lasciateci esprimere una legittima osservazione. Circa sei mesi fa, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, nell'adottare misure per contrastare la crisi, aveva esortato i Trentini a consumare prodotti della Val di Gresta. Subito noi giornalisti avevamo gridato al ritorno dell'Autarchia. Ma a vedere che cosa ha combinato nei giorni scorsi il governo tedesco per salvare la Opel ad esclusivo beneficio del proprio Paese, l'invito di Dellai appare oggi quasi patetico. Così come patetici appaiono i colleghi giornalisti che di fronte alla decisione di Berlino si sono limitati a dare notizia della scelta adottata.»

Il primo a prendere la parola è stato il premio Nobel Spencer.
«Non abbiamo previsto la crisi, - dice senza il minimo dubbio. - E questo significa che dovremo lavorare di più per rimettere le cose al loro posto. D'altronde, come si fa a dire che salterà tutto, quando stanno guadagnando tutti più di quello che riusciranno mai a spendere? Ma come può fare un economista dire alla gente "smettetela di guadagnare"?
«Adesso però possiamo fare un bel quadro della situazione e prevedere che cosa succederà, perché ce lo chiedono tutti.»
Risposta pragmatica.
Più tardi, la collega Francesca Merz gli chiederà come sarà il mondo dopo questo disastro.
«I paesi emergenti, come la Cina e l'India, attaccheranno le economie occidentali. - Risponde, e questo è l'argomento del suo pubblico intervento. - Si sentono più vicini a noi e effettivamente lo solo. In ogni caso il Mondo occidentale ce ne avrà da fare parecchio per rimettere in corsa tutto l'apparato produttivo secondo il new deal che si è andato a delineare. Anche questo è un lavoro e anche in questo gli economisti potranno essere utili, sia nel dettare nuove regole che combinando i nuovi equilibri che si andranno a formare.»

Glaeser, che come abbiamo scritto è esperto in variabili economiche all'interno delle grandi città, è stato a due passi dalla verità.
«Mi sono testimoni alcune trasmissioni televisive. Una volta avevo dichiarato alla NBC che i prezzi degli immobili Las Vegas erano saliti tanto in alto da essere completamente disancorati dalla realtà. "L'immobiliare scoppierà come una bolla!" avevo ammonito, cosa che si è puntualmente verificata. Quello che non avevo immaginato è che con l'immobiliare stavolta crollava tutta l'economia. Non avevo compreso quanto la bolla immobiliare fosse compenetrata in tutti gli istituti bancari e finanziari.»

Algan invece si è limitato a dire di essere in linea con i colleghi, ma non si riferiva a Glaeser che aveva lanciato il suo j'accuse agli immobiliaristi.
«Seguivamo dinamiche microeconomiche e ci sono sfuggite le macro. - Dice Algan. - Quello che posso aggiungere è che ci siamo mangiati fuori un triliardo di dollari e che adesso in qualche modo dovremmo ricostruirlo e soprattutto impedire che possa accadere nuovamente.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni