Home | Festival Economia | 2010 | Oliver James punta il dito sul responsabile: il «selfish capitalism»

Oliver James punta il dito sul responsabile: il «selfish capitalism»

«Il capitalista egoista» - Lo psico-economista torna ad indagare i malesseri della società dell'opulenza

image

Non ha nemmeno quarant'anni, ma ha già vissuto sette vite.
Il suo volto è tutt'altro che facile da identificare. Di lui, si sa per certo che parla inglese. Che la sua madrina, Margaret Thatcher, lo ha cresciuto a suon di tagli alla spesa sociale, euroscetticismo e liberismo sfrenato.
E che il suo patrigno, Ronald Reagan, lo ha ingozzato a forza di scelte antisindacali e riduzioni fiscali ai ricchi.

È il capitalista egoista, protagonista del nuovo saggio dello psico-economista inglese Oliver James (Il capitalista egoista, Codice edizioni) e principale nemico, secondo la teoria sostenuta dall'autore, dell'equilibrio psichico dell'Occidente industrializzato.

Stabilendo un nesso tra materialismo e disturbi della sfera emotiva e ritenendo che i livelli di stress sono molto più alti nei Paesi anglofoni, James punta il dito contro il «selfish capitalism» di matrice angloamericana, un sistema politico-economico fondato sull'ossessiva ricerca della prosperità, che, di fatto, ha arricchito i già ricchi senza aumentare i salari medi.

«La mia idea - spiega l'autore - è che il capitalismo egoista aumenta il materialismo nelle nazioni sviluppate e poiché il materialismo provoca stress, il selfish capitalism è la causa di un massiccio incremento dei disturbi emotivi nei Paesi di lingua inglese, quali infelicità, depressione, paura di essere messi ai margini.»

Sentimenti "malati" che hanno come cura il consumo di merci sempre più deperibili e tuttavia impregnati di significati simbolici che vanno di gran lunga al di là del loro valore d'uso.
Un virus, quello di cui si parla nel libro, che spinge uomini e donne a comperare, a lottare per il successo, la fama. In altre parole, come sosteneva Eric Fromm, ad avere invece di essere.

Ma quali sono gli aspetti principali del capitalismo egoista?
La smaniosa voglia di possedere; la privatizzazione; la liberalizzazione dei servizi finanziari e delle condizioni di lavoro e la convinzione che il mercato possa soddisfare tutti i bisogni dell'uomo.

Salvi dal malessere emotivo che connota i Paesi anglosassoni, l'Italia ed il resto dell'Europa continentale.
Italia che rappresenta un caso atipico.
Pur avendo, al suo interno, una disuguaglianza sociale forte presenta indici di stress assai bassi. Il motivo?
La sopravvivenza del collettivismo.

E' dimostrato, infatti che i sistemi economici caratterizzati da una forte impronta di matrice religiosa oppure derivante da un sistema sociale impostato sulla famiglia, su un maggior radicamento geografico e una maggiore coesione sociale, hanno radici più solide.

Nonostante la capacità del capitalismo egoista di rigenerarsi Oliver James si dice fiducioso verso il futuro.
«Credo, sostiene lo psicologo, che ci saranno da qui a poco grossissimi cambiamenti nell'asse dei valori e nella politica. Spero che l'individualismo sfrenato venga soppiantato da un capitalismo non-egoista.»






Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande