Home | Festival Economia | 2011 | Al via sesta edizione del festival dell’economia, con Amartya Sen

Al via sesta edizione del festival dell’economia, con Amartya Sen

Giovedì 26, al Teatro Sociale, il premio Nobel Amartya Sen Lectio magistralis su «I confini della libertà economica»

image



Si alza il sipario sulla sesta edizione del Festival dell'Economia. Nel pomeriggio di giovedì 26 maggio, infatti, alle 17.30 al Teatro Sociale di Trento il premio Nobel Amartya Sen terrà la sua lectio su «I confini della libertà economica».

L'appuntamento di giovedì 26 è a cura della Federazione trentina della Cooperazione. L'ingresso è, come tutti gli appuntamenti della kermesse internazionale, libero e gratuito.
Alle 16, un'ora e mezza prima dell'incontro, saranno in distribuzione i biglietti presso la cassa del Teatro trentino. Un maxi schermo collocato in piazza Duomo proietterà la diretta in tempo reale.

Sul sito www.festivaleconomia.it sarà possibile seguire lo streaming web. Anche gli incontri del pomeriggio di Napoli (il 28 maggio a partire dalle 15) potranno essere visti da piazza Duomo e dal sito del Festival.

Tutto è pronto, si parte: ha inizio la sesta edizione con un incontro di grande significato.
Protagonista è il raffinato intellettuale di origine indiana Sen che dice «a volte le regole aumentano la libertà invece di restringerla, ma occorre prima mettersi d'accordo sul significato di libertà. La libertà è la virtù più importante per l'uomo e va sempre preservata. Chiediamoci quali sono i fattori che causano una limitazione di libertà. Uno di questi è la disoccupazione».

La domanda che occorre farsi è, secondo Amarya Sen, che cosa dobbiamo fare, a livello economico, per ampliare la libertà di tutti, degli individui, della collettività, delle aziende.
Dalle 16 del 26 maggio sono in distribuzione gratuita i biglietti dei 650 posti del Teatro Sociale. Ogni persona potrà ritirarne due.

Due giorni dopo comincia a Napoli, nelle Catacombe di san Gennaro - Rione Sanità, l'anteprima dedica al sommerso e all'economia da svelare.
Quattro appuntamenti sull'economia informale, il sommerso e la cultura del lavoro senza legalità.
Come per ogni appuntamento del Festival, come sempre, l'ingresso è libero e gratuito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni