Home | Festival Economia | 2011 | Premio Nobel Amartya Sen: «Per fortuna non sono un politico»

Premio Nobel Amartya Sen: «Per fortuna non sono un politico»

Così risponde il Premio Nobel a una domanda sul futuro dell'Euro Le domande di fila e le poche risposte del professore

image



Praticamente non ha risposto alle domande dei giornalisti il premio Nobel per l'Economia Amartya Sen, oggi ospite della Cooperazione trentina.
«Questa domanda dovrei farla io a lei - ha detto al primo giornalista che gli ha parlato. - Siete di qua e conoscete meglio di me la situazione.»
«Capisco le due domande, separatamente - ha detto a un altro. - Ma mi domando che cosa c'entri la seconda dopo che mi ha fatto la prima.»

Poi è toccato a noi.
Ci sa spiegare come mai i paesi in via di sviluppo hanno superato la grande crisi prima di noi, Paesi industrializzati?
«Noi [India - NdR] non avevamo nell'armadio titoli tossici… - ha risposto con un giro di parole, - come non ne avevano la Cina né il Sudafrica. Io critico spesso e volentieri il mio governo, ma in questo caso devo dire che ha saputo gestire la situazione senza problemi.»

Lei dice che solo la crescita economica può risolvere il problema dell'indebitamento dei Paesi Occidentali - gli chiede il collega del quotidiano Il Trentino. - Ma come si può far crescere un'economia e mantenere basso l'indebitamento dello Strato?
«Questo deve chiederlo al mio collega Stefano Zamagni. - Risponde Sen. - Lui conosce il vostro Paese meglio di me.»
Ovviamente Zamagni, che era al suo fianco, non ha risposto, preferendo fare una smorfia tra il lusingato e l'affaticato.

Tocca di nuovo a noi, dopo che un collega de Il Riformatore gli ha fatto una dotta serie di domande da lezione tra le righe.
La Grande Crisi, anzi la seconda parte della Grande Crisi, ha messo in risalto la problematica di una moneta come l'Euro adottata da una serie di paesi con economie tra loro anche molto diverse. Pensa che l'Europa ce la farà o dovrà adattarsi alle economie più in difficoltà?
«Ne ho parlato spesso in passato, sia con l'amico Zamagni che con l'amico Padoa Schioppa. - Risponde. - Sa cosa gli avevo detto? Prima o poi scoppierà il bubbone… Adesso è scoppiato. Padoa Schioppa non c'è più e per fortuna… io non sono un politico…»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni