Home | Festival Economia | 2011 | La libertà di ognuno di noi finisce dove comincia quella di un altro

La libertà di ognuno di noi finisce dove comincia quella di un altro

Inaugurata la sesta edizione del Festival dell'Economia «I confini della libertà economica»

image



È stata aperta ufficialmente la sesta edizione del Festival dell'Economia, come sempre nella sala principale del Castello del Buonconsiglio e alla presenza della massime autorità della Provincia.
I relatori hanno affrontato il titolo di questa edizione, «I confini della libertà economica», ma nessuno di essi ha rammentato il significato principale del titolo, che consiste nel limite necessario per impedire che il mercato possa da solo generare ingiuste povertà e disagi sociali.

Ha preso la parola per primo Tito Boeri, curatore scientifico del Festival, che ha spiegato le ragioni del titolo allargando il tema a tutte le estensioni possibili, ricordando come i fatti abbiano ampiamente anticipato i dibattiti, a dimostrazione che il mondo è sempre più globalizzato e i confini non esistono più.
Si riferiva al governo greco, che parla di dismissioni di grande portata per consentire allo Stato di far fronte ai propri debiti.
«Si parla addirittura di vendere il Pireo, - ha detto - il porto di Atene. Domanda: dove è collocato il confine tra il privato e il pubblico di un Paese?»
Boeri ha citato anche Padoa Schioppa, personaggio che sarà spiritualmente presente per tutta la durata del festival, «che aveva tracciato i confini tra le spese da tagliare e quelle necessarie».
Ovviamente si riferiva a Tremonti che invece, secondo Boeri, taglia tutto senza troppo meditare.

Il sindaco Andreatta, ironizzando forse sul tema della sesta edizione, ha ricordato come i poveri non siano liberi proprio in quanto poveri.
Anzi, gli immigrati vengono in Europa sia perché cercano la libertà, ma soprattutto per lo stato di indigenza che non consente loro di essere liberi nei paesi dove sono nati.
La stessa rivoluzione del confine meridionale del Mediterraneo indica una demarcazione tra un mondo economicamente più importante dell'altro.

Cipolletta, presidente dell'Università di Trento, ha ricordato comuni avvenimenti che una volta sarebbero stati definiti epocali e adesso si stanno susseguendo sempre più ravvicinati in questo mondo sempre più privo di confini.
«Una scossa di terremoto, - ha ricordato - avvenuta nel Paese più preparato a sopportare le scosse telluriche, non solo ha provocato 20.000 vittime, ma ha dato un colpo mortale alla produzione di energia atomica.»
Il confine segna il passaggio da un paese a un altro, ha aggiunto.
«Si deve auspicare che i confini siano sempre più ampi, perché altrimenti il mondo si trova sempre più stretto e isolato di fronte alla grandi calamità.»

L'editore Laterza ha citato la frase per cui la «libertà individuale è un impegno della collettività», ricordando come in tema di libertà nulla ci sia di scontato.
«L'unico sogno che faccio per le nuove edizioni del Festival - ha commentato alla fine - è di avere un giorno un pubblico da concerto Rock.»

Alberto Orioli, vice direttore del Sole 24 ore, ha ricordato che «il vero confine sta tra chi sa e chi non sa».
Il crinale che separa coloro che sono informati da coloro che non sanno nulla stabilisce una differenza economica e finanziaria immensa.
«Vi faccio un esempio per tutti, - ha rammentato. - La Lehman & Brothers è fallita di lunedì, quando il venerdì aveva lasciato pensare che al mondo non ci fosse altra società economicamente più sicura.»
Orioli ha portato il messaggio del suo direttore, per ricordare la tradizionale simpatia del Sole 24 ore nei confronti del Festival. «E la cosa che più affascina me e il direttore è questa massa di studenti che nei giorni del festival corrono in massa da una sala all'altra per seguire parola per parola le voci dei relatori più importanti del mondo.»

Corrado Passera ha ricordato come un confine sia una linea di demarcazione posta a indicare che una certa libertà finisce lì per fare spazio a un'altra.
«Uno dei confini più controversi di questa epoca - ha ricordato - è la demarcazione tra le società "profit" dal quelle "non profit".»
Ma ha ammonito i giovani affinché prendano atto che le regole sono i veri confini dell'economia.
«La Grande crisi - ha affermato - è accaduta perché c'era un vuoto terribile di leggi che potessero separare il vero dal falso, il bene dal male, l'avidità dall'onestà.»

In conclusione, il presidente Dellai ha ringraziato tutti e in particolare il pubblico «che è il vero autore del successo che le sei edizioni del Festival ha riscosso».
Dellai ha pubblicamente ringraziato il presidente Napolitano «oggi che è la festa della Repubblica Italiana», annunciando di averlo invitato per la prossima edizione del Festival dell'Economia.
Napolitano, salvo imprevedibili impedenze, ha accettato di partecipare all'edizione 2012.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni