Home | Festival Economia | Fest. 2016 | Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti al Festival dell’Economia

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti al Festival dell’Economia

Poletti: «Chi si difende è perduto. Il mondo oggi non è più pedone, è salito in bicicletta»

image

>
In Svezia si sono inventati il «ministro al Futuro»?
Per il ministro al Lavoro e Politiche sociali Giuliano Poletti, oggi al Festival per discutere di web, robot e della «fine del lavoro» basterebbe «fare tutti i giorni con coerenza le cose che servono, sapendo che siamo dentro una fase di transizione permanente in cui i cambiamenti non sono attesi ma avvengono, appunto, tutti i giorni.»
E tra le cose da fare ce n'è una, in particolare, che guarda al nostro lessico nazionale, a una parolina che per il ministro andrebbe cancellata dal vocabolario: «difesa».
«Quando stai in un mondo che cambia velocemente, se ti difendi hai già perso. E In Italia, a forza di difenderci dai cambiamenti, abbiamo perso due giri facendo oggi un piano per la banda larga a trent'anni dal primo collegamento internet, varato due anni fa una riforma del lavoro che potevamo fare dieci anni prima.
«Difendersi significa che chi ha una cosa se la tiene e chi non ce l'ha non la mette insieme, cosa che produce pesanti effetti sul lavoro, sulla famiglia, i consumi e l'economia.»
 

 
Introdotto dalla statistica Linda Laura Sabbadini («In Italia non si sfruttano le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e non siamo abituati a darci strategie di lungo periodo, o impariamo a governare il cambiamento puntando sulla formazione del capitale umano, oppure la prospettiva sarà quella di dover fare i conti con una estesa povertà»), l'incontro di mezzogiorno al Teatro Sociale, coordinato dalla giornalista di Repubblica Tonia Mastrobuoni, ha preso spunto dal libro «Al posto tuo» di Riccardo Staglianò.
Non un libro che parla del futuro - ha puntualizzato l'autore - ma di cose che già esistono. E tra queste vi sono quelle a cui fa riferimento il titolo del «dialogo» di oggi con il ministro Poletti.
«Oggi le macchine sostituiscono già i colletti bianchi in mansioni ad alta capacità cognitiva, – spiega Staglianò. – In Usa, dove dobbiamo guardare per capire ciò che avverrà domani anche da noi, un ospedale può già oggi rinunciare ad assumere degli anestesisti perché c'è una macchina che fa egregiamente il loro lavoro ad un costo dieci volte inferiore, e le università i docenti potendoli sostituire con lezioni video registrate delle grandi star.
«Nasceranno nuovi mestieri, negli Usa il 47 per cento dei lavori oggi presenti sparirà entro i prossimi vent'anni, e sarà così anche da noi.»
Staglianò riporta un dato che davvero impressiona e che riassume il senso di ciò che stiamo vivendo: gli americani che oggi lavorano in aziende nate dopo l'anno 2000 sono solo lo 0,5 per cento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni