Home | Festival Economia | 2014 | Scende il sipario sul Festival dell'Economia 2014

Scende il sipario sul Festival dell'Economia 2014

Soddisfatti gli organizzatori, che già stanno pensando alla decima edizione

image

Si spengono le luci sul Festival dell’Economia 2014 e, a di là dei dati diffusi dall’Ufficio Stampa che abbiamo pubblicato, desideriamo esprimere anche i nostri.
L’articolo che ha interessato di più i nostri lettori è stato quello dedicato all’intervento a Marchionne, seguito a ruota da quello di Renzi. Solo dopo e non di poco, i Nobel.
L’impressione generale tuttavia è che il festival dell’Economia stia interessando sempre più il resto del paese e meno la città. È un po’ la fine che ha fatto il Film festival della Montagna: più diventa famoso nel mondo e più viene considerato «scontato» dai cittadini.
Di certo l’atmosfera che si crea a Trento e a Rovereto in questi giorni di overdose di nozioni economiche è positiva, perché la cultura si diffonde anche per simpatia e per osmosi.
 
Ci aspettavamo qualche dibattito più puntuale sul futuro riservato alle autonomie speciali, ma l’unica battuta espressa da Renzi è stata in sostanza imbeccata dall’organizzazione.
«Va riformato il Titolo V – ha detto Renzi parlando della riforma del Senato. – Voi vivete in una provincia autonoma, ma altrove il problema è importante, sia per le risorse, sia per la distribuzione delle competenze…»
Nessun altro riferimento. Che è successo? La risposta è abbastanza semplice: Renzi non ne sa abbastanza perché è un aspetto, quello delle autonomie, che non ha ancora affrontato.
Siamo certi che non appena sarà padrone della materia riuscirà a esprimersi in maniera risoluta e impostata al buonsenso come ha fatto per il resto. Nel frattempo lascia che Delrio se ne occupi per lui.
Ma il tutto è rinviato di poco, perché la scadenza è fissata per fine giugno.
 
In chiusura di questo ultimo incontro della IX edizione del Festival dell'Economia, gli organizzatori hanno già espresso una prima valutazione a caldo.
Il responsabile scientifico Tito Boeri ha sottolineato l'alta partecipazione degli studenti ai vari momenti della kermesse e l'impatto mediatico sulle testate nazionali e internazionali.
Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi ha ringraziato, oltre a Boeri, l'Università, l'editore Laterza, e per lo staff organizzativo della Provincia, Marilena Defrancesco, nonché tutti i relatori che hanno animato queste giornate.
«Speriamo di avere ricavato qualche suggerimento interessante in materia di retribuzione dei politici, tema che ci sta molto appassionando, – ha aggiunto un po' ironicamente. – Abbiamo cercato di migliorare la ricaduta di questo festival verso i giovani e verso il mondo tedesco e mi pare che ci siamo riusciti.
«E mai come in questo caso credo si sia riusciti a combinare l'attualità, le sue urgenze e interessi, e l'approfondimento scientifico, il pensiero.
«Mi piace immaginare che buona parte dei giovani che hanno partecipato, soprattutto, possano ricavarne la voglia e l'ambizione per essere un domani la nuova classe dirigente, mettendosi a disposizione del bene comune.
«Grazie e all'anno prossimo, che avrà grosse novità.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni