Home | Foto | Fotografie | Selva e Santa Cristina a inizio '900: al via mostra fotografica

Selva e Santa Cristina a inizio '900: al via mostra fotografica

La mostra sarà inaugurata il 26 ottobre al Centro culturale Tublà da Nives

image

>
Com’era la vita in Val Gardena a inizio '900? Lo spiega una mostra fotografica organizzata dal Museum ladin Ciastel de Tor in collaborazione con il Centro culturale Tublà da Nives di Selva ed il Museo Palais Mamming di Merano.
La mostra sarà inaugurata il 26 ottobre al Centro culturale Tublà da Nives.
Esposti paesaggi, foto di costumi tipici e ritratti, per i quali gli organizzatori lanciano un appello: chi è in grado di dare un nome alle persone raffigurate?
83 fotografie di grande e grandissimo formato realizzate a Selva di Val Gardena e Santa Cristina 110 anni fa, presumibilmente tra il 1903 e il 1906, che raffigurano scorci della vita che lì si conduceva, le strade, i paesaggi, il lavoro, le persone.
Le espone la mostra «Pultredes dl dejenuefcënt - L dejenuefcënt te Sëlva y a S. Cristina» (Fotografie del Novecento.

Il Novecento a Selva e a Santa Cristina) che sarà inaugurata sabato 26 ottobre 2019, alle ore 17, al Centro culturale Tublà da Nives, in via Nives 6 a Selva.
Interverranno Leo Senoner, direttore dell’associazione culturale Tublà da Nives, il direttore del Museum Ladin Stefan Planker e il direttore del Palais Mamming Museum di Merano Elmar Gobbi.
Le fotografie esposte, del tutto inedite, sono stampe di originali su lastra di vetro scansionati. 
Provengono da un fondo di oltre 300 lastre da poco acquisito per donazione dal Palais Mamming Museum di Merano.
Gli scatti vennero realizzati, probabilmente da un unico fotografo, di cui si ignora però il nome, per conto di una gardenese benestante trasferitasi a Merano.

Durante i suoi soggiorni in Gardena, la committente soleva portarlo con sé per documentare la terra natia.
Le immagini aprono una finestra sui paesi di Selva e Santa Cristina a inizio ‘900: paesaggi con vecchi masi, scene di lavoro nei campi, costumi tipici gardenesi e tanti ritratti di bambini, famiglie e singoli.
A questo proposito, il Museum Ladin lancia un appello alla popolazione: «Chiunque, visitando la mostra, riconosca l’una o l’altra delle persone ritratte – magari sulla base di fotografie conservate a casa – è invitato a contattare il museo», spiega il direttore, Stefan Planker.
L’esposizione è aperta fino al 1° dicembre 2019 dal martedì al sabato dalle ore 15 alle 18 e la domenica dalle ore 10 alle 12.
L’ingresso è gratuito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni