Home | Foto | Calendario 2011 | Calendari dell'Adigetto.it – Marzo 2011 si chiama Cinzia Nicoletti

Calendari dell'Adigetto.it – Marzo 2011 si chiama Cinzia Nicoletti

Una Tata che adora i bambini. Bella, curiosa, sognatrice e determinata

image


Cinzia, come tutte le nostre ragazze, ci sono consigliate da Sonia Leonardi, presentatrice televisiva, concessionaria regionale del concorso nazionale di Miss Italia, titolare di una scuola e di un'agenzia per fotomodelle.


La prima novità è che non metteremo più il calendario vero e proprio, dato che ogni computer offre ben altri servizi del genere. Il nome «Calendario» lo teniamo per tradizione, ricordando che le nostre Miss rimangono on-line in prima pagina ogni mese, del quale prendono il nome, per poi andare a dimora definitiva in Pagina dei Calendari.
La seconda è che Miss Marzo 2011 non è… una Miss. Nel senso che non ha mai partecipato a una selezione di Miss Italia. Ci è stata ugualmente segnalata da Sonia Leonardi, che avendo una scuola e un'agenzia di fotomodelle non ha bisogno di attingere solo dal concorso nazionale.

Miss Marzo si chiama Cinzia Nicoletti e ha 19 anni, essendo nata a Trento il 26 novembre 1991.
Si è diplomata lo scorso luglio in Scienze Sociali, al Liceo Rosmini di Trento con 90/100. Attualmente lavora (anche se lei in genere non chiama lavoro quello che le piace fare) come tata: si prende cura di due bambine meravigliose.
«È un lavoro che adoro, - dice entusiasta - perché i bambini, con la loro semplicità, ti regalano emozioni indescrivibili e ti fanno immergere in un mondo a sé, spensierato e magico.»
Le piace il lavoro, ma sta cercando di riflettere su quale università le piacerebbe frequentare l'anno prossimo, perché le piace anche lo studio.
«Sono una persona a cui piace saper fare e conoscere tante cose, - ci conferma. - Ed è per questa mia natura curiosa e insaziabile che non voglio accantonare l'idea dell'università.»

Nella vita si ritiene una persona molto determinata e allo stesso tempo sognatrice. D'altronde, come tutti i Sagittario presenta una tendenza al distacco e all'introversione, ma è responsabile e affidabile nell'amicizia, mentre l'ambizione la porta a perseguire i propri obiettivi con determinazione.
È dotata di pazienza, costanza e serietà. Con le persone care ama rapportarsi in maniera paritaria e onesta. Di conseguenza è poco tollerante verso l'inganno e la menzogna.
Dotata di una naturale autorevolezza, suscita facilmente il rispetto degli altri, in particolare sul lavoro. Noi possiamo confermarlo.
Se Cinzia crede nei sogni (che, ne è certa, ognuno porta con sé) cerca anche di avverarli con la sua più volte decantata determinazione. E così, quando si fisso un obbiettivo, ci metto tutte le forze e energie per raggiungerlo.

Il suo carattere talvolta potrebbe far pensare si essere una persona fredda e calcolatrice. «In realtà - confessa - sono una torta, l'aggettivo che più mi piace per descrivermi, perché la torta è buona, dolce e… buffa.»
Le persone che la conoscono, infatti, la ritengono una persona timida (inizialmente), semplice, spontanea, altruista e "di cuore".
Le piace vivere la quotidianità, le piacciono gli affetti sinceri, la semplicità delle persone, fare due chiacchiere con l'amico, l'amica, a davanti a una tazza di tè caldo, passeggiare in città insieme al papà il sabato pomeriggio, fare i dolcetti ai suoi fratelli, pranzare la domenica con i parenti più stretti, rivangare con gli amici i tempi passati stando seduti su una panchina.

La cosa che ama fare di più, e che la riempie di gioia, è far sorridere, far star bene e rallegrare le persone che la circondano.
La famiglia e l'amicizia sono per lei importantissime, valori che giorno per giorno cerca di coltivare al meglio e di preservare per sempre.
Ama i bambini e gli animali, in particolare i cani.
«Non a caso - ci dice - possiedo due shitzu, due cagnolini stupendi a cui tengo tantissimo.»
Le piace fare attività fisica: correre, nuotare, camminare, fare palestra.
«Lo sport mi aiuta a sfogarmi e a ricaricarmi di energie positive.»

Fin da piccola si sente affascinata dal mondo della moda e dello spettacolo. A soli sei anni, guardando insieme al suo papà Miss Italia, gli disse che un giorno avrebbe voluto essere lì anche lei come quelle ragazze...
«Quest'anno mi piacerebbe provare a partecipare, - ci ha confessato. - Mi sono avvicinata quest'anno, partecipando al Corso di Portamento e Bon ton organizzato dalla bravissima Sonia Leonardi. Questo corso mi è servito molto a livello personale e caratteriale, oltre che pratico. Infatti mi ha dato le basi per poter proseguire in questo mondo, e non solo, anche per affrontare al meglio la vita di tutti i giorni. Lo consiglio vivamente a tutte le ragazze!»
Della moda le piacciono anche i vestiti, le borse, le scarpe col tacco... «anche se nella vita di tutti i giorni prediligo le scarpe basse e i vestiti comodi e semplici».
A indossare per noi i capi di Anan Gaddo si è davvero divertita e impegnata e anzi ci ha aiutati dandoci spunti davvero utili.
Le auguriamo di vederla sempre sul set della moda, a partire da quello di Sonia Leonardi che potrebbe ospitarla per tutto l'estate. E anche oltre…

Gli abiti e i tessuti che indossa Cinzia sono fatti esclusivamente a mano dalle stiliste trentine Anna e Cristina Gaddo, che ci mettono sempre a cortese disposizione i loro capi unici e la passerella del loro atelier.
Oltre alle loro collezioni, Anna e Cristina realizzano capi su misura con i propri tessuti esclusivi, trovando sempre le soluzioni giuste per la propria clientela.






























Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni