Home | Golf | Golfando con Golser | I viaggi golf dell’Adigetto.it. – Lorenzo Golser a Portmarnock

I viaggi golf dell’Adigetto.it. – Lorenzo Golser a Portmarnock

Grazie Wilson. - «Well done Padraigt.» - Un grande Trapattoni

image

Sono stato invitato dalla Wilson Italia, in particolare dal mio amico rappresentante Adriano Festa, a uno stage di presentazione dei prodotti Wilson, della azienda Amer,2009.
La location non poteva essere migliore di quella della verde Irlanda ,patria del golf. Siamo alloggiati a Portmarnock, hotel molto bello a circa 15 minuti di macchina dal centro di Dublino, affacciato sulla baia omonima. Dell'hotel fanno parte due stupendi percorsi di golf a 18 buche, l'old e il links, di assoluto livello.
Del gruppo Italia siamo in 5, il sottoscritto, i due rappresentanti della Amer Adriano Festa e Doriano Balbo, Roberto Corradi in quanto responsabile del settore Wilson nei negozi Nencini Sport (Toscana) e Paolo Vittadini,noto titolare della catena Golf Us'.

Il giorno 9 Ottobre è dedicato alla presentazione dei nuovi prodotti Wilson e devo dire che sono rimasto positivamente impressionato sia dalla serietà professionale degli organizzatori sia dalla tecnicità dei nuovi prodotti. A breve li vedrete anche voi nei migliori negozi.
Durante la giornata veniamo informati, come da programma, della presenza del noto campione di golf e portabandiera del marchio Wilson Padraig Harrinton, che presenzierà il giorno successivo ad una esibizione in campo pratica e sul percorso, ma anche durante la cena di gala. Sono già emozionato pensando di poter vedere da vicino il grande Harrington, vincitore quest'anno dell'Open e del Pga Campionship.
Inoltre, sorpresa, l'indomani si terrà una gara al mattino sul percorso Links e i primi tre classificati avranno l'onore di poter giocare 6 buche skin-game con il campione irlandese. Conosco un po' il campo di Portmarnock, avendo già giocato una volta quattro anni fa durante un mio viaggio di golf clinic con miei allievi e so benissimo che è un campo insidioso e difficile.

Alla gara siamo circa una ottantina di giocatori, di cui almeno una quindicina sono professionisti, gli altri hanno hcp abbastanza bassi, vicino allo Zero. Si gioca per fortuna tre quarti di hcp e questo mi lascia una piccola speranza contro i dilettanti che altrimenti, grazie al vantaggio, sono difficilmente superabili.
La giornata promette il classico tempo irlandese, con le quattro stagioni in una medesima ora. Un bel venticello soffia già ma per fortuna non piove. Sono in flight con un pro olandese e un dilettante svizzero hcp 8. Beh, senza tirarla per le lunghe, grazie a un gioco regolare, a un putter micidiale e al mio amico Adriano che si prodiga come caddy, infilo 5 birdie, 3 bogey e una serie di par, che mi portano a chiudere il giro in 69 colpi lordi e a vincere la gara distaccando di 3 colpi un altro professionista inglese e un dilettante 8 di hcp, inglese anche lui.
Non ci credo neanche io, ma nel pomeriggio si gioca con Padraig, altro che guardarlo e basta… La formula di gioco è skin-game e mette in palio a ogni buca bellissimi premi sponsorizzati da Wilson.

Dopo una interessante lezione tecnica di Padraig, che illustra lo swing nel dettaglio e fa alcuni riferimenti sullo swing molto interessanti sul campo pratica, ci avviamo al percorso per cominciare lo skin.
La prima buca è un par 5 che nel pomeriggio ha un vento contrario molto forte e allunga notevolmente le distanze. Il primo a partire è chiaramente l'irlandese che spara un driver da far rizzare i capelli. Io sono tranquillo… non ho niente da perdere e tiro un driver non molto forte ma in centro pista, morale mi prendo almeno 30/35 metri solo sul primo colpo. Come se non bastasse, il mio secondo - un legno 3 - è un po' flappato e mi lascia a quasi 200 metri dal green con un vento conto fortissimo. Harrinton spara un altro driver da terra pauroso e si lascia un pitch al green. Insomma, io tiro un bel legno 3 di terzo e sono in green, lui chiude il colpo sulla sinistra e si lascia un approccio difficile. E qui capisco la differenza… Forse l'approccio è difficile per me... ma non per lui. Sembra quasi che tiri a fare birdie e la mette data, buca pareggiata.
Le altre buche sono un susseguirsi di driver molto lunghi (i suoi) e tiri abbastanza corti (i miei), però seguiti da ferri molto precisi che mi consentono di recuperare. Alla Tre il mio pitch al green, anche se toccato in modo perfetto, va lungo e finisco in un rough dal quale mi ci vorranno tre colpi per uscire. Il dilettante approfitta di un bell'approccio e, grazie a un par, con il colpo si porta a casa anche le buche pareggiate prima.
Le altre buche le pareggiamo a turno e ci troviamo sul tee della 18, ultima buca, con 3 skin da giocare. Dopo un bel driver che mi lascia a soli 30 metri dal campione, tiro un bellissimo ferro 9 che - ironia della sorte - batte vicinissimo alla bandiera ma scivola appena fuori green. I colpi degli altri 2 pro sono a 5-6 metri dalla bandiera. Io rischio il chip e la mia palla passa sul bordo della buca ma non entra… Imbuca invece l'altro pro e si porta a casa una sacca firmata da Harrinton, un viaggio in Spagna e un set di bastoni.
Peccato non ho avuto fortuna ma comunque è stata un'espe-rienza unica e sono contento. Avevamo anche un tifoso d'eccezione, il grande Trapattoni - quest'anno allenatore dell'Irlanda - che sog-giornava nell'hotel e l'ho conosciuto per caso. Si è dimostrato di una cordialità che solo le grandi persone sanno avere.
Al rientro in clubhouse, appena l'ho visto mi è uscito spontaneo «abbiamo perso Mister», e lui «Come, avete perso? Se trovo quello che ha detto che l'importante è partecipare… Col cavolo…! L'importante è vincere… Altro che!»
Grande Trap. Ma ricordiamoci che era solo un esibizione… he he

Completa l'opera una bellissima serata di gala dove un video di Harrington che vince l'Open e il Pga fa da presentazione alla cena. Padraigt, firmati penso almeno 200 autografi su un po' di tutto quello che le persone gli portano, si intrattiene col pubblico e per un'ora buona ed è a disposizione per eventuali domande. Dalle sue risposte traspare una sua completa dedizione all'allenamento e alla pratica di questo sport. Una persona veramente disponibile anche fuori dal campo, seria e che le vittorie non hanno montato ma con tanta voglia di vincere ancora.
Beh, che dire? Grazie Wilson, well done Padraigt, di questi bellissimi tre giorni passati insieme e speriamo di tornare l'anno prossimo.

Lorenzo Golser

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni