Home | Golf | Golfando con Golser | In viaggio con Lorenzo Golser: golf tour in Bulgaria

In viaggio con Lorenzo Golser: golf tour in Bulgaria

La nostra destinazione è il Lighthouse golf, un 18 buche disegnato da Ian Woosnam

image

>
Da qualche anno c’è una nuova meta per i golfisti appassionati, la Bulgaria sul mar Nero.
Nel periodo da giugno a ottobre un comodissimo volo diretto, con Wizzair, collega Bergamo a Varna città turistica bulgara affacciata direttamente sul Mar Nero.
A circa 50 km da Varna, lungo la costa, ci sono tre nuovi campi da golf con rispettivi hotel e resort.
La nostra destinazione è il Lighthouse golf & resort un 18 buche disegnato da Ian Woosnam.
 

 
Il nostro hotel, disegno a forma di cavallo, ha tutto quello che ci vuole per soddisfare il golfista più esigente
Le camere sono belle e spaziose, consigliata la vista mare.
Dispone di due ristoranti, uno a buffét ottimo per i gruppi di golfisti ed uno alla carta per i più esigenti.
Bella e completa la Spa.
Una grande piscina fronte hotel e la spiaggia privata a circa 10 m con trasferimento navetta e posto mare completano l’offerta.
 

 
Il campo è veramente vicino... oserei dire un tiro di driver.
Bella la Clubhouse, ampio driving range con postazioni in erba... putting green, chipping green... insomma non manca nulla, il tutto condito da cortesia e professionalità.
Il campo, ottimamente tenuto è un Parkland spettacolare la sosta alla Bouvette della buca 8 direttamente affacciata sulle scogliere di calcare bianco.
C’è sempre una brezza rinfrescante ad alleviare la calura estiva e giocare è un piacere a qualsiasi ora.
 

 
Nonostante la formula con la quale abbiamo soggiornato prevedesse green fee giornaliero, non abbiamo voluto rinunciare a cimentarsi anche sugli altri due campi.
Il Tracian Cliffs a circa 15 m di macchina, affacciato direttamente sul mare e sulle scogliere presenta della viste spettacolari.
Dal punto di vista tecnico forse è troppo punitivo...
Non è un campo per driver ed anche lo score soffre ma gli scorci e le viste sono mozzafiato.
Ma è da fare assolutamente almeno una volta.
 

 
L’altro campo è il Blacksearama, confinate con il nostro resort ha una bellissima club House molto accogliente con vista direttamente sul mare.
È un classico links, in perfette condizioni,senza alberi, rough al ginocchio che inghiottisce più di una nostra pallina e grandi dune che separano le buche una dall’altra.
Il mare è visibile solo dalla buca 9 e sulla 18.
Il giudizio comunque è molto positivo anche se necessiterebbe di un secondo giro.
 

 
Un paio di uscite serali a ristoranti locali allietano le nostre serate.
Assolutamente da provare le cozze locali... squisite.
I taxi per muoversi sono comodi ed abbastanza economici.
 

 
La settimana è volata. Il mio gruppo si è proprio divertito, giocando ogni giorno ed impegnandosi insieme per migliorare la tecnica sia sul campo pratica che sui percorsi.
Un plauso per l’impegno e la passione dimostrata.
Viaggio assolutamente da consigliare e campi molto belli e diversi tra loro.
Rapporto qualità prezzo senza paragoni.
Prox viaggio Irlanda dal 18 al 22 luglio su alcuni dei più bei links di Dublino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni