Home | Interno | Ripartenza in sicurezza per l’Università di Trento

Ripartenza in sicurezza per l’Università di Trento

Le prime lezioni in presenza si sono tenute ieri in diverse sedi dell’Ateneo e l’attività didattica nei prossimi giorni riprenderà anche per altri corsi di studio

image

Foto ©UniTrento - Alessio Coser.

I portoni d’ingresso aperti e il vociare degli studenti e delle studentesse sono stati i due principali segnali della ripartenza dell’Università di Trento.
La normale attività didattica in buona parte era proseguita nei mesi più difficili dell’emergenza sanitaria con le lezioni online.
Solo ieri, però, come è accaduto per la scuola, è stato il primo giorno in cui si è potuti tornare nelle aule, in presenza, seppure con un protocollo di sicurezza piuttosto stringente e varie limitazioni.
Studenti e studentesse trovano le regole di comportamento per accedere agli edifici dell’Ateneo sulla home page del portale UniTrento e nel tutorial del presidente del consiglio degli studenti, Edoardo Meneghini.
Sui siti di ogni dipartimento, poi, sono presenti il calendario di avvio di ciascun corso di studio e ulteriori indicazioni.
 


L’accesso ai dipartimenti è limitato alle proprie lezioni e tutti gli studenti e tutte le studentesse devono effettuare check-in e check-out attraverso la UniTrentoApp installata sul proprio smartphone.
Trovano i QR-Code all’ingresso e alle uscite di ogni sede; i percorsi di accesso e uscita sono stati infatti diversificati proprio al fine di limitare assembramenti e «incroci» di gruppi studenteschi nei corridoi.
L’indicazione è di tenersi aggiornati con la app, indossare la mascherina, igienizzarsi le mani e seguire la segnaletica per raggiungere l’aula.
Presenza e spostamenti all’interno dell’edificio dovranno essere quelli strettamente necessari per frequentare le lezioni.
Il rettore Paolo Collini ha dato il benvenuto a studenti e studentesse in un videomessaggio: «Quella che abbiamo vissuto negli ultimi mesi non è la vera università, perché fare l’università significa guardarsi in faccia, parlarsi, conoscere persone nuove, studiare nei laboratori e nelle biblioteche. Non è retorica: l’università è esattamente questo.»


 
Collini, inoltre, ha scritto al personale docente e tecnico-amministrativo per augurare buon lavoro e per esprimere la sua gratitudine: «Vorrei ringraziarvi per la serietà e la dedizione con cui avete fatto fronte ai problemi che hanno stravolto il secondo semestre. Come sapete, quest’anno i rilevamenti Censis ci hanno messo di nuovo in cima alla classifica delle università italiane: il modo in cui tutti voi avete reagito a quest’emergenza è buona prova del fatto che il Censis non si è sbagliato.»
Al personale tecnico e amministrativo ha aggiunto: «Non ce l’avremmo fatta senza la tenacia e senza il lavoro silenzioso di tutti voi, in particolare di coloro che hanno gestito la didattica a distanza».
Per garantire una piena partecipazione alle attività e alla vita universitaria, nelle prossime settimane saranno pubblicate le modalità con le quali gli studenti e le studentesse potranno richiedere un contributo per il traffico dati.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni