Home | Interno | La perplessità dell'assessore Stefania Segnana

La perplessità dell'assessore Stefania Segnana

«Chiusura di alcune sigle sindacali alle assunzioni degli infermieri»

«Le dichiarazioni rilasciate stamani da Nursing up Trento, all'indomani del tavolo che era stato convocato fra le organizzazioni sindacali del comparto sanità per l'assunzione dei 139 infermieri in graduatoria ci lasciano abbastanza perplessi. A differenza di quanto affermato, questa Giunta Provinciale ha ripreso le trattative sindacali interrotte più volte nella precedente legislatura che non avevano consentito la chiusura degli accordi contrattuali per la parte economica e normativa 2016-2018. La chiusura, manifestata appunto ieri sera, di alcune sigle sindacali a tale accordo comporterà significative criticità per l’assunzione degli infermieri, sia sul fronte dell’assistenza ospedaliera sia nelle Apsp.»
È stato con queste parole che l'assessore alla salute, Stefania Segnana, ha replicato al comunicato stampa diffuso nel corso della mattinata.
«Le misure attuate dalla Giunta provinciale nel 2020 a favore del personale sanitario, ivi compreso il personale infermieristico, sono state molteplici», ha poi evidenziato l'assessore Segnana.
 
  In sintesi queste le date più significative 
- il 4 agosto (deliberazione n. 1123) la Giunta provinciale ha autorizzato la sottoscrizione definitiva dell’Accordo stralcio per la chiusura della parte economica del CCPL 2016/2018 – personale del Comparto sanità, firmato in data 3 giugno 2020, per una spesa totale di circa 26 milioni di euro, di cui 7 milioni quale nuova spesa a regime;
- il 26 maggio (deliberazione n. 693) e il 9 ottobre (deliberazione n. 1551) l'esecutivo ha previsto il riconoscimento al personale coinvolto nell’emergenza Covid-19 di un trattamento economico temporaneo per un totale circa di 10 milioni per il personale dell’APSS;
- il 6 novembre scorso (deliberazione n. 1784) la Giunta ha reso disponibili le risorse per la copertura degli oneri di vacanza contrattuale per gli anni 2019 – 2020, per un totale di 4.230.000 euro.
 
«Infine va sottolineato - ha concluso l'assessore Segnana - che durante la scorsa seduta di Giunta, ovvero il 13 novembre, abbiamo approvato un conchiuso demandando ad Apran la convocazione urgente delle OO.SS. del comparto sanità, area non dirigenziale, per trovare un accordo che permettesse all'Azienda sanitaria di assumere, a tempo indeterminato, il personale infermieristico vincitore del concorso, ovvero 139 professionisti, con l’obiettivo, al contempo, di non sguarnire le Apsp di quegli infermieri idonei o vincitori del concorso medesimo, circa 36 professionisti. Il tutto prevedendo misure temporanee e, in particolare, circoscritte alla fase emergenziale da Covid-19. Con la chiusura manifestata ieri sera - conclude l'assessore Segnana - questa procedura si è bloccata. Le assunzioni avrebbero dato ossigeno ai tanti nostri professionisti così strettamente impegnati nel fronteggiare questa drammatica emergenza.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni