Home | Interno | Dog Film Festival: i brani sono scaricabili dal sito

Dog Film Festival: i brani sono scaricabili dal sito

Aperte le iscrizioni per partecipare alla rassegna cine-letteraria sul mondo del Cane. All'interno lo splendido trailer del filmato ufficiale del Festival

image

Photo credit Bharathi Kannan.

L'attesa è finita! Sono online i bandi per partecipare e iscriversi al primo Dog Film Festival, la rassegna cine-letteraria dedicata all'universo del Cane nelle sue relazioni con il mondo degli umani.
Tre le categorie in concorso, Producers, Lovers e Writers, che saranno giudicate da tre differenti giurie.
 
Producers: la sezione è rivolta a registi, produttori, distributori e videomakers. Si possono iscrivere lungometraggi per il cinema e la tv, anche di animazione o in versione seriale, cortometraggi (max 30 min.) e documentari.
Sono ammesse a concorrere produzioni uscite in sala, in tv o in circuito home video dal gennaio 2018 in poi, anche se già presentate o premiate in altri Festival.
Le Opere iscritte alla sezione Producers saranno valutate dalla Giuria Cinema del Festival, presieduta da Giampaolo Sodano, e concorreranno per l’assegnazione degli Awards di categoria. L'iscrizione avviene tramite la piattaforma Filmfreeway.
 
Lovers: tutti gli appassionati ed amanti del mondo Cane hanno la possibilità di partecipare caricando i propri video di massimo 30 secondi direttamente sul sito, nell'apposita sezione.
Il Video Contest sarà aperto sul canale YouTube del Festival dal 5 al 25 giugno; saranno i voti della community social a decretare il vincitore dei DFF Clip Awards.
 
Writers: la sezione è rivolta agli autori e a tutti coloro che hanno voglia di raccontare storie che hanno un cane protagonista o co-protagonista della vicenda.
Possono essere brevi racconti, sceneggiature, scritti teatrali, saggi o altro purché non superino le quindicimila battute, spazi inclusi.
Le Opere iscritte alla sezione Writers saranno valutate dalla Giuria Letteraria del Festival, presieduta da Paolo Petroni, e concorreranno e concorreranno all’assegnazione dei DFF Writers Awards. Anche in questo caso si possono iscrivere e caricare le opere direttamente sul sito ufficiale.
 
Due saranno invece le sezioni fuori concorso, con opere scelte direttamente dall'organizzazione del festival:
- DFF Heritage, dedicata a premiare il valore culturale di produzioni audiovisive che hanno fatto la storia dei cani nel cinema e nella televisione;
- DFF Civil Servants, dedicata a premiare il valore dell’intervento dei cani nella società civile in tre ambiti specifici:
a - Therapy: per le attività svolte a supporto di percorsi di recupero terapeutico-sanitario;
b - Security: per le attività svolte a supporto di attività di investigazione, prevenzione e controllo;
c - Search and Rescue: per le attività svolte a supporto di operazioni di pronto intervento e soccorso.
Inoltre, per promuovere la consapevolezza del rapporto affettivo e per contrastare l’abbandono dei cani, Dog Film Festival lancia una campagna di comunicazione sociale e social in concomitanza con l’apertura dei Bandi di Partecipazione.
 
L'iniziativa, ideata da Artix, gode del patrocinio di Croce Rossa Italiana e FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani), Partner è Trip for Dog, Media partner Dimensione Suono Soft.


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni