Home | Interno | «PagoPA»: metodo semplice, sicuro, tracciabile e memorizzabile

«PagoPA»: metodo semplice, sicuro, tracciabile e memorizzabile

Anche nella Provincia autonoma di Trento la piattaforma digitale promossa a livello nazionale che consente ai cittadini di pagare in tutta sicurezza

Più semplici, sicuri, tracciabili e memorizzabili i pagamenti fatti alla pubblica amministrazione: con «pagoPA», la piattaforma digitale promossa a livello nazionale che consente ai cittadini di pagare in modo veloce, attraverso le possibilità offerte dalla tecnologia.
Anche la Provincia autonoma di Trento, come altri enti pubblici del territorio, aderisce a «pagoPa» attraverso la piattaforma territoriale dei pagamenti elettronici MyPay.

In Trentino, MyPay è stato sviluppato per garantirne il collegamento con i diversi sistemi gestionali utilizzati dagli enti del territorio, per offrire uno strumento di pagamento condiviso e semplificare i pagamenti delle prestazioni sanitarie, dei buoni mensa scolastici, delle rette delle case di riposo, gli affitti residenziali ed universitari e molto altro.
Gli enti che utilizzano MyPay in Trentino sono oggi 330: Provincia, APSS, comuni e comunità di valle ma anche le scuole, i musei, le case di riposo e Trentino Riscossioni.

La possibilità di fare i pagamenti elettronici si riconosce: leggendo l’avviso di pagamento con il logo «pagoPa», dove si trovano il QRCode e il codice avviso IUV - Identificativo Univoco di Versamento; oppure andando sul sito dell’ente di cui si chiede il servizio e verificando le modalità di pagamento; o andando su www.mypay.provincia.tn.it e utilizzando la funzione «seleziona ente beneficiario»; o consultando le indicazioni fornite dall’ente che offre il servizio.
 
Si può fare un pagamento elettronico in diversi modi: accedendo a pagoPA con MyPAY e utilizzando carte di credito, carte prepagate, conto corrente (se non si trova il proprio istituto di credito, si consiglia di effettuare la ricerca selezionando la voce MyBank); accedendo al proprio conto on line cercando il canale CBILL o la voce pagoPA; andando ad uno sportello fisico con l’avviso di pagamento pagoPA; scaricando le app dedicate.

Le attività sui pagamenti elettronici rientrano nella transizione al digitale che interessa anche la Provincia e comprende il sistema pubblico di identità digitale SPID e il punto unico di contatto con la pubblica amministrazione rappresentato dalla applicazione IO.
Dal 1° marzo scorso l’accesso ai servizi online deve avvenire esclusivamente attraverso sistemi di autenticazione «forti», come SPID, Carta Provinciale dei Servizi, Carta d’Identità Elettronica e tutte le pubbliche amministrazioni devono avviare il caricamento dei loro servizi digitali sull' app IO.
 
  Per approfondire: 
-www.pagopa.provincia.tn.it
-https://io.italia.it/
-https://www.servizionline.provincia.tn.it
-https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Comunicati/Servizi-digitali-e-pagamenti-alle-pubbliche-amministrazioni-Provincia-e-Comuni-pronti-allo-switch-off-digitale-del-1-marzo

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni