Home | Interno | Un’aula di tribunale ricostruita a Giurisprudenza di UniTrento

Un’aula di tribunale ricostruita a Giurisprudenza di UniTrento

Servirà per simulare i processi, allenare studentesse e studenti al contraddittorio, ma anche a gestire il conflitto attraverso negoziati e mediazioni

image

Foto ©UniTrento ph. Federico Nardelli.
 
È un’aula di tribunale vera e propria. Con lo scranno del giudice, i banchi dei testimoni e quelli per l’accusa e la difesa e i tradizionali arredi in legno.
L’atmosfera è quella che si respira durante un processo vero e proprio. Ma quest’aula non è in uno dei tanti tribunali italiani: è all’Università di Trento, dentro la Facoltà di Giurisprudenza.
Si tratta dell’ex-aula 3, ribattezzata aula Moot Court (aula «tribunale fittizio»), nonché aula di gestione del conflitto, che oggi è stata inaugurata della Facoltà dopo alcuni mesi di lavori.
L’aula servirà alle studentesse e agli studenti per allenarsi nella gestione del conflitto, nella pratica forense, nella funzione giudicante di giudice o arbitro, in un ambiente del tutto simile a quello di un tribunale o di un collegio arbitrale, dove vengono assunte le prove, ascoltati i testimoni, pronunciate arringhe, emesse sentenze.
 

 
Da alcuni anni, infatti, alla Facoltà di Giurisprudenza l’apprendimento sul campo è parte stessa della formazione studentesca.
L’attività di Moot Court si ispira alla tradizione del sistema universitario anglo-americano, in cui costituisce parte ufficiale e costante della formazione degli studenti delle Law Schools. Si tratta di un’attività di simulazione di processi civili e penali.
Gli studenti vengono allenati all’analisi di casi concreti, alla simulazione del ruolo di parte, di avvocato e di giudice nei vari passaggi del processo.
Le memorie scritte, le esposizioni orali e il contraddittorio vengono organizzati con cura, in ogni dettaglio dai docenti della facoltà.
Vissute dagli studenti e dalle studentesse con grande entusiasmo, queste attività costituiscono un’ottima preparazione alla futura professione legale che essi svolgeranno dopo la laurea.
 

 
Ma la nuova aula della Facoltà di Giurisprudenza di Trento non servirà soltanto a simulare processi davanti al giudice o ad arbitri, ma anche sperimentare tavoli di negoziato e mediazione.
Per questo, l’aula è stata denominata anche «Aula di gestione del conflitto».
Nell’aula si trova, a questo scopo, un ampio tavolo rotondo attorno a cui gli studenti, nel ruolo di parte e avvocati, sono chiamati a simulare un negoziato o una mediazione per raggiungere un accordo che risolva la lite.
Negoziare e mediare potrebbe sembrare cosa naturale e istintiva. Ma per essere efficace, richiede invece un’attenta preparazione.
Gli studenti e le studentesse saranno educati e formati anche a questo, sulla scia di progetti di simulazione di negoziato e mediazione già da tempo promossi dalla facoltà e che hanno portato le squadre studentesche di UniTrento a guadagnare spesso il podio in competizioni nazionali e internazionali.
 

 
Alla cerimonia di inaugurazione dell’aula Moot Court/Aula di gestione del conflitto, che si è svolta online, sono intervenuti oggi il rettore Flavio Deflorian e il vicepreside della Facoltà di Giurisprudenza, Alessandro Melchionda.
A illustrare scopo e funzione dell’aula in relazione alle attività didattiche della facoltà è stata la professoressa Silvana Dalla Bontà, docente di Diritto processuale civile e delegata di facoltà alla didattica.
«Un’aula come questa permette di coniugare le conoscenze teoriche con un’attività pratica, simulando un processo, un arbitrato, un tavolo di mediazione o di negoziato, – ha spiegato Dalla Bontà. – Permette alla studentessa o allo studente di sentirsi protagonista, di prepararsi a svolgere la futura professione di avvocato, giudice, arbitro, mediatore o negoziatore.
«Questa è un’aula che guarda al futuro. È equipaggiata con le ultime tecnologie per consentire, ad esempio, collegamenti telematici, oggi fondamentali nelle udienze da remoto.
«Questa dotazione permetterà anche di stabilire collegamenti transfrontalieri: un punto di eccellenza che rafforza l’apertura internazionale della facoltà.
«La realizzazione è stata possibile grazie alle risorse ricevute tramite il fondo Dipartimento d’eccellenza.»
 

 
Alla cerimonia di inaugurazione è intervenuto il professor Francesco Paolo Luiso, già ordinario di Diritto processuale civile dell’Università di Pisa e presidente della Commissione ministeriale per la riforma del processo civile e degli strumenti alternativi al processo, con una prolusione dal titolo «Respondere, agere, cavere».
Nel corso del dibattito hanno preso la parola la professoressa Elena Ioriatti, ordinaria di Diritto privato comparato e referente per i rapporti con l’Università della Scuola Forense di Trento, il presidente dell’Unione nazionale avvocati per la mediazione, Angelo Santi e il presidente del Consiglio degli studenti di UniTrento, Edoardo Giudici.
 
L’aula Moot Court / Aula di gestione del conflitto è stata realizzata dalla Direzione Patrimonio immobiliare dell’Ateneo sotto la direzione lavori di Alessandro D’Este e con la collaborazione di Matteo Boniatti e Gianluca Signore (Divisione Gestione e manutenzione immobili).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande