Home | Interno | Insieme per la sicurezza in montagna

Insieme per la sicurezza in montagna

I Soccorso Alpino del Tirolo, Alto Adige e Belluno firmano un accordo di cooperazione

image

Foto: Arno Dejaco e Interreg START.
 
Le montagne ci collegano, ma allo stesso tempo accadono sempre più incidenti. Il cambiamento climatico e gli eventi meteorologici intensi non si fermano alle frontiere. Per questo motivo, i soccorsi alpini hanno anche deciso di unire le forze intensificando la cooperazione tra loro - e hanno recentemente firmato un accordo a tal fine nel contesto del progetto Interreg START.
Questo progetto ha lo scopo di promuovere la cooperazione tra le stazioni locali di Soccorso Alpino limitrofe al confine a livello locale e di mettere in rete istituzionalmente i servizi di soccorso alpino a livello regionale.
«La burocrazia su entrambi i lati del Brennero è relativamente complessa, ma la collaborazione con i nostri colleghi dell'Alto Adige e di Belluno ci aiuta molto, – dice Hermann Spiegl, il direttore regionale del Soccorso Alpino del Tirolo. – Presto sarà coinvolto anche il Soccorso Alpino trentino.»
 
Il Soccorso Alpino del Tirolo, il Soccorso Alpino nell'AVS e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico di Belluno e dell'Alto Adige approfondiscono la loro cooperazione con l'accordo firmato.
L'accordo facilita operazioni congiunte, anche se il necessario accordo bilaterale tra Austria e Italia è in attesa nell‘Euregio.
Ma i soccorritori possono ora partecipare ai programmi di formazione delle organizzazioni partner e saranno organizzate esercitazioni congiunte.
«Per lo sviluppo tecnologico, la cooperazione ha immensi vantaggi, perché qui si possono risparmiare costi e si può attingere alla competenza e all'esperienza di molti più soccorritori alpini», – hanno detto all'unisono il Delegato della zona Dolomiti Bellunesi del Soccorso Alpino e Speleologico Alex Barratin e il Presidente del Soccorso Alpino e Speleologico dell'Alto Adige Giorgio Gajer.
 
Nell'ambito del progetto Interreg START, è stato condotto anche un grande studio d'applicabilità dei droni per il soccorso, coinvolgendo 288 soccorritori alpini dell'Austria e dell'Italia.
Quando si tratta di sviluppi tecnologici, i fili si uniscono al NOI Techpark di Bolzano, dove i soccorritori alpini fanno rete con istituti di ricerca e aziende.
Nella gola del Bletterbach, per esempio, l'Istituto di medicina d'urgenza alpina dell'Eurac Research, che è anche un partner del progetto, il produttore di droni MAVTech e la Stazione di Soccorso Alpino della Bassa Atesina hanno condotto un importante studio sui vantaggi del drone nel Soccorso Alpino.
Le conoscenze acquisite devono essere messe a disposizione di tutti i partner: Un gruppo di esperti istituito congiuntamente accompagna l'introduzione dei droni e l'ulteriore sviluppo delle competenze tecnologiche nelle regioni partner.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni