Home | Interno | 3Tre, Alex Vinatzer vuole riprovarci: «Campiglio è magica»

3Tre, Alex Vinatzer vuole riprovarci: «Campiglio è magica»

Lo slalomista altoatesino è già focalizzato sullo slalom notturno di Coppa del Mondo del 22 dicembre prossimo

image

Credits: Pentaphoto.
 
C’è la 3Tre nei pensieri del ventiduenne finanziere azzurro, che ha cerchiato in rosso la data di mercoledì 22 dicembre (prima manche: 17.45, seconda manche 20.45), con l’obiettivo di migliorare il terzo posto conquistato la scorsa stagione sul Canalone Miramonti.
«La 3Tre è la mia gara preferita, – ha detto Alex Vinatzer. – Per me è l’appuntamento di casa, che mi regala tantissime emozioni.
«Sciare a Madonna di Campiglio è un piacere immenso, non vedo l’ora di farlo anche quest’anno.»
 
Come consuetudine, gli atleti arriveranno a Campiglio con poche gare di slalom: solo appuntamento di Val d’Isere precederà la classica più antica d’Italia fra i pali snodati.
Tuttavia, questo aspetto non sembra preoccupare Vinatzer.
«L’anno scorso è andata bene nonostante avessi affrontato appena una gara di slalom in Coppa del Mondo prima della 3Tre, ha detto. – Ci prepariamo tutto l’anno per essere sul pezzo: in teoria dovrebbe cambiare poco.»
 

 
Preceduto un anno fa soltanto dai formidabili norvegesi Kristoffersen e Foss-Solevaag, Vinatzer ha sviluppato un feeling speciale con le porte e il pendio del Canalone Miramonti.
«La tracciatura è stretta, bisogna fare velocità sin dalle prime porte, ma la differenza si fa sul muro: devi sciare bene per poi portar via ulteriore velocità sull’ultimo pianoro.
«Non c’è alternativa: sul Canalone Miramonti bisogna andar forte dall’inizio alla fine.»
 
Fra gli aspetti che esaltano maggiormente il talento altoatesino in vista della notte del 22 dicembre è il ritorno del pubblico a bordo pista.
«Mi gasa tantissimo, forse anche troppo, – ammette. – L’anno scorso mi sarebbe piaciuto festeggiare il podio con la gente, ma chissà, magari stavolta…
«Spero la prima vittoria sia vicina: devo lavorare per migliorare il numero di partenza, e poi si tratterà di attendere la giornata giusta.»
Una giornata che a Madonna di Campiglio gli appassionati italiani attendono da ben 16 anni, ovvero da quando Giorgio Rocca riuscì a conquistare la 3Tre nella stagione di grazia 2005/2006. Adesso tocca a Vinatzer cercare di rompere l’incantesimo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande