Home | Interno | InRail in Autobrennero: si rafforza nel trasporto su rotaia

InRail in Autobrennero: si rafforza nel trasporto su rotaia

E' la costituzione del primo polo ferroviario privato del comparto merci in Italia

image

>
«Autobrennero punta a realizzare un corridoio green intermodale dal Brennero a Modena. Con l’ingresso di InRail, siamo già diventati il secondo gruppo transnazionale italiano del settore merci, ma l’obiettivo è crescere ancora e, in questo, fondamentale sarà l’apporto di una società che ci garantisce un grande valore aggiunto in termini di mercati, portafoglio clienti, personale e management».
Così l’Amministratore delegato di Autostrada del Brennero e Presidente di STR, Diego Cattoni, ha sintetizzato le prospettive prodotte dall’acquisizione del 75% delle quote di InRail perfezionata ieri, con il mantenimento del restante 25% in capo a Tenor e Inter-Rail.
«Per InRail si tratta di una significativa opportunità in termini industriali che consente alla società di consolidare la propria posizione e massimizzare il proprio vantaggio competitivo nella gestione via ferrovia dei flussi di trasporto in Italia e tra Italia ed Europa» - ha aggiunto Guido Porta, Ceo di InRail.
 
Il primo obiettivo raggiunto è dunque la costituzione del primo polo ferroviario privato del comparto merci in Italia, con oltre 600 dipendenti e un fatturato complessivo di 180 milioni di euro, che potrà beneficiare delle profonde sinergie che si instaureranno tra InRail e le imprese ferroviarie già parte del Gruppo Autobrennero: Rail Traction Company S.p.A. e Lokomotion GmbH.
Mentre si prepara a depositare la propria proposta di finanza di progetto per la nuova concessione autostradale della A22, Autostrada del Brennero ha già posto le basi per sviluppare un nuovo modello di mobilità, sostenibile e intermodale, lungo l’asse del Brennero e non solo.
 
«Le analisi del macro trend del mercato del trasporto merci di qui al 2035 – osserva Cattoni – ci dicono che la domanda di trasporto su ferro sarà in forte crescita tanto attraverso il Brennero quanto attraverso il Tarvisio, con una quota modale del ferro in forte aumento, dall’attuale 30% a circa il 60%, e connessioni giornaliere lungo questi corridoi destinate quasi al raddoppio.
«Noi – spiega l’Ad di Autobrennero – ci stiamo preparando per tempo, con il duplice obiettivo di favorire la transizione ecologica dei trasporti su cui punta con decisione anche il Pnrr nazionale e di far crescere il ruolo di Autobrennero in questo settore.
«InRail si affianca a RTC e Lokomotion con un ruolo complementare in termini di attività e know how che intendiamo tutelare e valorizzare in un’ottica di sviluppo della società e del Gruppo».
L’accordo tra le parti, infatti, prevede sia assicurata la continuità aziendale di InRail, la valorizzazione del management, del personale della società e degli attuali rapporti commerciali in essere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande