Home | Interno | Aggiornata la Carta di sintesi delle pericolosità

Aggiornata la Carta di sintesi delle pericolosità

Decisione della Provincia di Trento su proposta dell'assessore all'ambiente Tonina

Aggiornata dalla Giunta provinciale, su proposta dell'assessore all'urbanistica e ambiente Mario Tonina, la Carta di sintesi delle pericolosità, uno degli elementi costituenti il Piano Urbanistico Provinciale, in vigore dal 2 ottobre 2020, che ha il compito di individuare le aree caratterizzate da diversi gradi di penalità ai fini dell'uso del suolo, per la presenza di pericoli idrogeologici, valanghivi, sismici e di incendio boschivo.
Al centro della decisione odierna, alcune disposizioni applicative contenute nell'Allegato C riguardanti sia le aree con penalità elevate sia quelle con penalità medie o basse e le aree con altri tipi di penalità. L'aggiornamento è stato possibile grazie all'esperienza maturata nell'esame delle oltre 150 domande di autorizzazione trattate nel primo anno di applicazione della Carta. Effettuate infine alcune modifiche di tipo grafico per rendere più chiara la lettura dell'allegato.

In particolare, le modifiche riguardano i ponti di accesso a fondi, le attività e le opere consentite in aree a penalità elevata per incendio e per valanghe, precisando ulteriormente, in quest'ultimo caso, l'ammissibilità di interventi che determinino aumento del carico antropico solo nei periodi stagionali in cui il pericolo non sussiste effettivamente. Diversi, inoltre, gli interventi che con la deliberazione odierna sono stati esclusi dall'applicazione delle norme del PUP sulla pericolosità.
Tra questi gli interventi di ripristino di aree prative o pascolive, la realizzazione di sentieri alpini e vie ferrate e gli itinerari idonei all'inserimento nella rete provinciale dei percorsi in mountain bike nonché un elenco di infrastrutture che non determinano aumento del carico antropico sul territorio nel campo delle reti di distribuzione, degli impianti di radiodiffusione sonora e televisiva e di telecomunicazione, delle piccole derivazioni idriche.

Sulle modifiche approvate oggi dalla Giunta con delibera il Consiglio delle autonomie locali aveva già espresso parere favorevole, con alcune osservazioni relative in particolare alla richiesta di eliminare la necessità di redazione dello studio per alcuni specifici casi di trasformazione urbanistica o riferiti ad aree con superfici ridotte.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande