Home | Interno | Nasce la foresta di Würth Italia in Val di Fiemme

Nasce la foresta di Würth Italia in Val di Fiemme

Tutti i collaboratori e le collaboratrici di Würth riceveranno in regalo un albero della «foresta Würth»

image

>
In occasione della Giornata Internazionale delle Foreste, Würth Italia annuncia l’avvio di una collaborazione con WOWNature per sostenere la crescita di alberi in Val di Fiemme, una delle aree boschive alpine devastate dall’uragano Vaia del 2018.
 
WOWNature è una realtà impegnata nella ricerca e nello sviluppo di progetti sostenibili in grado ripristinare l’equilibrio fra uomo e sistemi naturali. Attraverso questa partnership, Würth donerà un albero a tutti i propri collaboratori e collaboratrici, creando una «foresta Würth» in Val di Fiemme, che permetterà di compensare parzialmente le emissioni di CO2, restituendo contemporaneamente l’antico splendore ad una foresta millenaria.
 
Nell’ottica di una strategia orientata agli obiettivi di Sviluppo Sostenibile, Würth Italia si impegna a sensibilizzare i propri collaboratori presenti e futuri sull’importanza della crisi climatica e dell’impatto ambientale dell’uomo.
Per questo, verrà donato a ciascuna/o di loro un albero, simbolo tangibile dell’impegno di Würth e di tutte le persone che ne fanno parte.


 
Secondo le stime di WowNature (vedi) iniziativa ideata dallo spin-off universitario Etifor, ogni cittadino italiano è responsabile per l’emissione di circa 5000kg di Co2 all’anno.
A seconda della specie, un albero è in grado di assorbire ogni anno in media tra i 7 e i 33 kg/CO2.
Se gli alberi bruciano o vengono distrutti, i loro benefici non solo vengono persi, ma anche la CO2 catturata negli anni viene rilasciata.
Il progetto di WowNature permette di piantare o di proteggere alberi adulti per compensare le emissioni di CO2, migliorare il paesaggio e favorire la crescita della biodiversità.
 
«Le foreste sono il motore dell’economia e delle popolazioni locali, ed è per questo che come Würth vogliamo contribuire alla loro crescita, – ha dichiarato Norman Atz (foto), Direttore comunicazione di Würth Italia. – L’uragano che nel 2018 ha devastato i boschi della Val di Fiemme e delle altre valli, ha modificato il paesaggio e la vita delle persone che lo abitano, abbattendo foreste di grandissimo valore per il territorio e per la comunità.»

«Con questo progetto vogliamo non solo contribuire al ripristino di queste foreste, ma anche sensibilizzare i nostri collaboratori sul tema, in un’ottica di appartenenza, di riconoscenza al territorio che ci ospita e di apertura al cambiamento e alla responsabilità.»
 
La Magnifica Comunità di Fiemme è conosciuta in tutto il mondo per le sue foreste e i suoi abeti rossi dall’ottima risonanza, utilizzati già da Stradivari per realizzare violini.
Le vallate che ospitano queste foreste, fondamentali per l’economia locale montana, hanno subìto ingenti danni durante l’evento climatico estremo che ha colpito l’arco alpino ad ottobre 2018. Sostenendo questa iniziativa, Würth vuole dare il suo contributo per far tornare a risplendere questi luoghi.
Würth è fortemente impegnata nella sostenibilità con numerose iniziative che promuovono l’attenzione verso l’ambiente, come la rivoluzione elettrica del proprio parco auto, la rigenerazione dei pannelli fotovoltaici installati a Egna nel 2003 e la progettazione di un nuovo impianto per la sede di Capena.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande