Home | Interno | Castel Wolfsthurn di Racines riapre il 15 aprile

Castel Wolfsthurn di Racines riapre il 15 aprile

Da venerdì il castello sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la pausa invernale

image

>
A Castel Wolfsthurn, capolavoro del barocco in Tirolo e sede del Museo provinciale della caccia e della pesca, il 15 aprile riapre dopo la pausa invernale.
365 finestre, 52 porte interne, 12 caminetti e 4 portali, un’allusione all’anno con i suoi giorni, le settimane, i mesi e le stagioni: sono i numeri di Castel Wolfsthurn, capolavoro dell’architettura barocca situato a Mareta, vicino a Racines, che testimoniano il gusto tipico dell’epoca per i giochi numerici.
A partire da venerdì 15 aprile, Castel Wolfsthurn sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la pausa invernale nei seguenti orari: da martedì a sabato ore 10-17, domenica e festivi ore 13-17, chiuso Lunedì di Pasqua e il 25 aprile, giorno della Liberazione.
 
Chi visita il castello può ammirare preziosi stucchi, marmi, arazzi, stufe in maiolica e sfarzosi arredi originali che testimoniano la vita nobiliare del XVIII e XIX secolo. Ma non solo: l’edificio ospita il Museo provinciale della caccia e della pesca, con un’esposizione dedicata al ruolo di queste attività nella storia culturale tirolese. In mostra vi sono fucili da caccia, trappole, corni per le polveri, diorami con animali ma anche oggetti dell’arte popolare e una collezione di pesca a mosca con diversi mulinelli, canne e mosche artificiali. Il sentiero tematico «bosco e acqua», lungo circa 1 km e percorribile anche dalle carrozzine, collega il paese di Mareta al castello.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande