Home | Interno | A Brentonico il 1° maggio torna come lo abbiamo conosciuto

A Brentonico il 1° maggio torna come lo abbiamo conosciuto

Teatro, musica, danze, canti, cucina, performance e riflessioni tra il 30 aprile e il 1° maggio a Brentonico

Dopo due anni di edizioni particolari a causa della pandemia (online con pranzo a domicilio nel 2020, la parco ma distanziati nel 2021) torna la tradizionale Festa del primo Maggio di Brentonico come da tradizione.
Il programma è ricco e offre momenti di svago e momenti di riflessione: dallo spettacolo sul caporalato interpretato dall'attore Beppe Casales, in scena sabato 30 aprile alle 21 presso il teatro Monte Baldo di Bentonico (ingresso 2 euro), che offre uno spunto di riflessione sul tema dello sfruttamento, sui modelli economici e sulla possibilità di ribellarsi ad essi, al laboratorio di danze popolari di domenica mattina, aperto a tutti (dalle 10.30, anche per chi non sa ballare!) promosso dall'associazione culturale Zampognaro Lagaro e Danzare La Pace.
 
Il tradizionale concerto dà spazio a validi gruppi locali, dai Radio Fontani Sound System col loro muro di casse che faranno ballare la sera e nel pomeriggio, alla musica di cantautorato italiano del Piccolo Complesso Anonimo, dal rock dei Free Trials alle canzoni di lotta e resistenza di Luciano Forlese. E ancora, canti popolari brentegani e spettacolo di danze popolari; esposizioni e approfondimenti tematici. Per i bimbi, sarà presente il furgone gialle del Ludobus Trentino, la ludoteca viaggiante piena di giochi e attività e dalle 15, aprirà la particolare biblioteca di «Libri in persona».

Servizio bar e cucina per tutta la giornata del 1° maggio, ma è il menù del pranzo al quale vale la pena dedicare più spazio: involtini con cappuccio e riso, verdura e macinato (disponibili in versione vegetariana), frittelle di patate e uova con cipolla accompagnate da sugo ai funghi e sugo alla panna acida e insalata di rapa rossa. Si tratta di un menù ucraino, curato dalla comunità ucraina brentegana a sostegno delle persone rifugiate sul territorio.
 
L'offerta minima per partecipare al pranzo è di 10 euro ed è necessario prenotare al 347 8163384 (anche WhatsApp/telegram) o all'indirizzo brentonico.arci@gmail.com.
Come da tradizione, la manifestazione si terrà anche in caso di pioggia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande