Home | Interno | Coliving: 5 famiglie e 10 bambini per il futuro di Canal San Bovo

Coliving: 5 famiglie e 10 bambini per il futuro di Canal San Bovo

Domani alle ore 11.00 la consegna degli alloggi alle 5 nuove famiglie di colivers

Sono pronti per essere abitati i 5 alloggi destinati alle famiglie assegnatarie che hanno deciso di «cambiare vita» e costruire il proprio futuro nello splendido scenario dei monti del Primiero, grazie al progetto «Coliving collaborare condividere abitare». Sabato ad ore 11.00 saranno consegnate le chiavi dei 5 appartamenti di Itea spa e del Comune di Canal San Bovo, ubicati nelle frazioni di Prade, Caoria e a Canal San Bovo. Gli alloggi verranno messi a disposizione con un contratto di comodato gratuito per la durata di 4 anni, come previsto dal progetto sperimentale nato nel 2020 all'interno del Distretto famiglia degli Altipiani Cimbri. Obiettivi prioritari di Coliving sono invertire le tendenze di spopolamento e denatalità nei comuni montani e periferici del Trentino e «saturare» cioè valorizzare il patrimonio abitativo pubblico sfitto.
 
«Una strategia per rigenerare le terre alte e dare nuova speranza di futuro ai piccoli comuni montani trentini, colpiti da spopolamento e denatalità»: questa, in sintesi, la mission dell’innovativo e sperimentale progetto nato due anni fa. Gli attori coinvolti sono Provincia autonoma di Trento (Agenzia per la coesione sociale, Servizio politiche della casa, UMST- Unità di missione strategica Innovazione Settori Energia e Telecomunicazioni), Comune di Canal San Bovo, Comunità di Primiero, ITEA spa, Fondazione Franco Demarchi, con il supporto del Manager territoriale del Distretto famiglia e del Piano giovani del Primiero. Il secondo bando nel 2021 ha visto protagonista il comune di Canal San Bovo, dopo Luserna nel 2020, e domani la tanto attesa cerimonia di consegna delle chiavi alle 5 nuove famiglie che porteranno nella piccola comunità primierana 10 bambini per dare lancio a nuove prospettive di crescita.
 
La consegna delle chiavi si terrà alle ore 11.00 alle 12.30 presso il Teatro parrocchiale di Caoria.
A dare il benvenuto alle famiglie saranno presenti il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, l’assessore provinciale alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana, il presidente di Itea spa Francesca Gerosa, il presidente della Fondazione Franco Demarchi Federico Samaden, il dirigente generale dell’Agenzia per la coesione sociale della Provincia autonoma di Trento Luciano Malfer e, in rappresentanza del territorio del Primiero, il sindaco del Comune di Canal San Bovo Bortolo Rattin e il commissario della Comunità di Primiero Roberto Pradel.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande