Home | Interno | Vigili del Fuoco Volontari: «Simbolo dell’identità trentina»

Vigili del Fuoco Volontari: «Simbolo dell’identità trentina»

L’assessore Gottardi all’inaugurazione della rinnovata caserma di Lasino: «Senza di voi un Trentino più povero e meno sicuro»

«Questa è una festa dell’umiltà, del senso del dovere e dello spirito di servizio. I nostri Vigili del Fuoco sono una realtà che tutto il mondo ci invidia; una realtà fatta non solo di pompieri ma anche di famiglie, mogli, mariti, fidanzate e fidanzati che vivono questo spirito di servizio attraverso l’impegno dei loro famigliari.
«Questo radicamento nella comunità, questa continuità di impegno sono un simbolo dell’identità trentina.
«Oggi qui a Lasino potete contare su una rinnovata struttura finalmente adeguata alla vostra responsabilità e alla vostra operatività, che non devono essere date per scontate.»
 
Così l’assessore agli enti locali, trasporti e mobilità Mattia Gottardi ha aperto il proprio intervento stamane alla cerimonia di inaugurazione della rinnovata caserma dei Vigili del Fuoco Volontari di Lasino, ristrutturata con il sostegno di Provincia, Comune di Madruzzo e BIM del Sarca.
La caserma, di 380 metri quadri, risponde ora alle esigenze logistiche del Corpo di Lasino grazie, fra l’altro, a una migliore distribuzione degli spazi.
All’inaugurazione, con la cornice musicale della Banda di Calavino e del Coro parrocchiale di Lasino, hanno preso parte autorità civili, militari e religiose.
 
Portando il saluto e il ringraziamento dell’intera Giunta provinciale, Gottardi ha ricordato anche la propria esperienza nei Vigili del Fuoco Volontari.
«Questa ristrutturazione – ha aggiunto – e più in generale il sostegno dell’ente pubblico, sono investimenti nella nostra sicurezza, nei nostri valori, un investimento che voi Vigili del Fuoco restituite alla comunità non a parole, ma sul territorio, attraverso il vostro servizio. Senza di voi il Trentino sarebbe più povero e meno sicuro.»
Il ruolo di presidio a favore della sicurezza dei cittadini e a tutela del territorio è stato sottolineato dai diversi interventi durante la cerimonia di inaugurazione, svoltasi davanti alla caserma dopo la sfilata per le vie di Lasino.
 

 
Un ringraziamento al Corpo è arrivato dal sindaco di Madruzzo Michele Bortoli, che ha ricordato il sostegno all’intervento di ristrutturazione da parte dell’amministrazione comunale.
Gratitudine per il costante impegno è stato espresso anche dall’onorevole Martina Loss e dal vicepresidente della Federazione Daniele Postal; presenti alla cerimonia anche rappresentanze dei Comuni vicini.
 
Grande commozione nell’intervento del Comandante dei Vigili del Fuoco Volontari di Lasino Dino Pedrini, che ha espresso gratitudine nei confronti di tutti coloro che si sono adoperati per ristrutturare la caserma, ricordando lo spirito di abnegazione che caratterizza la mission dei pompieri.
Un’opera, la rinnovata sede operativa, realizzata nei tempi previsti rispettando pienamente il programma dei lavori, come ha sottolineato il dirigente generale del Dipartimento di protezione civile, foreste e fauna Raffaele De Col.
 
Dopo la cerimonia, il nastro tricolore è stato tagliato da Giorgio Pisoni, Medaglia d’argento al valore civile a seguito di un infortunio durante l’intervento in un incendio boschivo.
È seguita la messa, celebrata da fra’ Luca, e la benedizione «non di semplici mura e mezzi – come ha affermato lo stesso fra’ Luca – ma di una realtà viva, animata da persone che si spendono per la comunità».
Oggi a Lasino l’inaugurazione ha visto anche il giuramento di cinque nuovi Vigili del Fuoco Volontari, ora ufficialmente operativi, e la presentazione del libro «Il servizio antincendio a Lasino, la storia dei pompieri».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande