Home | Interno | «TO SWITCH»: formazione degli over 50

«TO SWITCH»: formazione degli over 50

Il progetto, che coinvolge partner di otto Paesi con la Provincia di Trento capofila, punta a valorizzare i processi formativi della fascia senior

Promuovere dei percorsi e delle filosofie che vedano il cittadino e il lavoratore ultracinquantenne e ultrasessantenne come motore per una svolta intelligente, sostenibile ed inclusiva all'interno della società e dei contesti professionali: sono i principi alla base di quattro sessioni di lavoro, in corso a Trento in questi giorni, dedicate a formatori che si occupano dell'apprendimento adulto e provenienti da Norvegia, Danimarca, Irlanda, Francia, Svizzera, Spagna e Italia.
Da ieri, 22 giugno, e fino a sabato 25 giugno, infatti, è in corso una formazione residenziale di 4 giorni in lingua inglese per 15 formatori, provenienti da sette Paesi, organizzata dalla Provincia autonoma di Trento con il supporto dell’Università spagnola di Saragozza, durante la quale viene introdotta, validata e testata una piattaforma digitale già condivisa dai partner europei nei mesi scorsi e arricchita da numerosi materiali.
 
«La piattaforma digitale sarà un prodotto che potrà essere utilizzato gratuitamente e con facilità da tutti coloro che ne siano interessati e sarà frutto di una sperimentazione per la “formazione di formatori” e di altre figure di supporto all’apprendimento dei lavoratori senior, prevista nei diversi territori, anche della nostra provincia. L'azione si colloca all'interno del programma Erasmus+, progetto "TO SWITCH", destinato al miglioramento dei processi formativi, oltre che all’aggiornamento di formatori e di professionisti coinvolti nella formazione di lavoratori adulti, in particolare over 50. Si tratta di un elemento fondamentale anche per favorire lo sviluppo dei territori più marginali ed interni, compresi quelli di montagna, attraverso lo sviluppo del richiesto capitale umano e sociale di cui spesso risultano utilmente portatori i lavoratori grigi», ha commentato l’assessore agli enti locali Mattia Gottardi, che ha inviato un video-saluto ai partecipanti.
 
Durante le sessioni di lavoro sarà offerta l’opportunità di implementare congiuntamente delle nuove metodologie, una nuova strumentazione e la nuova piattaforma aperta per rendere accessibile, utile ed efficace la formazione per docenti, tutor, coach e mentor di lavoratori e cittadini anziani o maturi. Il fine ultimo è quello di agire sulle persone, rendendole protagoniste di una svolta indispensabile e decisiva per la conservazione del sistema sociale europeo: il cosiddetto «active ageing».
La piattaforma metterà a disposizione strumenti e risorse in formato elettronico, come dispense, case studies, esercizi, video e altro, alimentati ed aggiornati costantemente, per preparare i formatori dei lavoratori senior.
 
Il progetto, curato della Provincia che ne è capofila, attraverso l’Umst Coordinamento Enti locali, politiche territoriali e della montagna - Ufficio risorse Unione Europea e sviluppo territoriale e con i contributi dei partner, intende far leva su un approccio di laboratorio permanente, che caratterizza la relazione di rete del partenariato strategico TO SWITCH (TOwards Senior Workers' Innovative Training Challenges), finanziato da Erasmus+, «Innovazione dei sistemi». Coinvolti nello scambio di buone pratiche otto partner europei di sette Paesi: Danimarca, Francia, Irlanda, Italia, Norvegia, Romania, Spagna e Svizzera, oltre al partenariato, tra gli altri, delle Regioni Piemonte e Friuli Venezia Giulia.
In pratica, verranno fornite indicazioni concrete per la definizione, la costruzione, la calibrazione degli approcci e degli strumenti d’azione, per testare la proposta di percorsi e strumenti flessibili e differenziati a seconda del target di appartenenza dei fruitori, valorizzando ad ampio spettro l’utilizzo delle tecnologie digitali.
 
Obiettivo della formazione, nonché valore aggiunto del progetto, è quello di permettere ai partner di valorizzare ed utilizzare al meglio la piattaforma digitale e gli apprendimenti che ne sostengono l’implementazione, come ha spiegato l’assessore Gottardi, per progettare e promuovere, sui territori dei vari partner, percorsi formativi strutturati e specificamente rivolti ai formatori e ad altre figure che intervengono a livello locale nei processi di apprendimento dei lavoratori senior.
L’addestramento di questi giorni consentirà, d’altro canto, ai partner di confrontarsi in termini concreti, di applicare e quindi valorizzare il nuovo quadro teorico di riferimento per la formazione dei lavoratori senior, su cui poggia la piattaforma digitale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande