Home | Interno | Cronaca | Intervento del Soccorso Alpino anche sul Piz de Sagron

Intervento del Soccorso Alpino anche sul Piz de Sagron

Cordata recuperata dopo una notte all'addiaccio sul gruppo del Cimonega

image

>
Si è concluso verso le 10.00 di questa mattina un complesso intervento per il recupero di una cordata di tre persone incrodate sul Piz de Sagron nel gruppo del Cimonega.
La cordata, composta da tre ragazzi della provincia di Venezia, era partita ieri con l'intenzione di scalare la via Ariano Zanin ma ha sbagliato il percorso e si è ritrovata sul campanile che si sviluppa a sinistra della via. A una quota di 2.150 metri l'appiglio a cui il primo di cordata si era aggrappato ha ceduto facendolo volare per alcuni metri.
Il sasso, inoltre, ha investito di striscio anche gli altri due compagni che lo seguivano. I tre ragazzi, che nell'incidente si sono procurati lievi ferite ed escoriazioni, hanno preferito chiamare il Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 18.25 di ieri sera.
 
Il coordinatore dell'Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l'intervento dell'elicottero.
Dal Veneto è decollato l'elicottero del Suem perché gli elicotteri di Trentino Emergenza erano occupati in altri interventi.
Purtroppo, a causa della scarsa visibilità causata da una fitta nebbia presente in quota, l'elicottero non è riuscito ad effettuare il recupero.
Il maltempo non ha permesso nemmeno di elitrasportare gli operatori del Soccorso Alpino e Speleologico in quota per tentare un intervento via terra.
 
Ai ragazzi, quindi, sono state fornite indicazioni via telefono per trascorrere la notte fuori e alle prime luci dell'alba, verso le 6.45, è decollato l'elicottero da Trento.
Tuttavia, ancora a causa della nebbia, il recupero non è stato possibile.
Verso le 8.30, grazie a una finestra di beltempo, l'elicottero ha trasportare al limite delle nebbie quattro operatori della Stazione Primiero che sono riusciti a raggiungere i tre ragazzi in circa 20 minuti di scalata.
I soccorritori, quindi, hanno messo in sicurezza i tre ragazzi e li hanno calati in un posto più sicuro e dove la visibilità consentisse il recupero in hovering con l'elicottero.
Una volta a bordo, sono stati elitrasportati a passo Cereda e da lì sono andati all'ospedale di Feltre in autonomia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande