Home | Interno | Cronaca | Giornata molto impegnativa per il Soccorso alpino trentino

Giornata molto impegnativa per il Soccorso alpino trentino

Due alpinisti canadesi incrodati sul Catinaccio, un anziano escursioista infortunato a Passo Selle, due tedeschi sorpresi dal temporale sul Catinaccio

Due alpinisti di nazionalità canadese del 1991 e del 1992 sono stati recuperati dall'elisoccorso dopo essere rimasti incrodati al quarto tiro della via Occhio Becco nel gruppo del Catinaccio.
I due stavano scendendo lungo la via quando le corde doppie si sono incastrate, impedendo loro di proseguire.
La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata intorno alle 14.10.
Il Tecnico di Centrale Operativa del Soccorso Alpino e Speleologico, con il Coordinatore dell'Area operativa Trentino settentrionale, ha chiesto l'intervento dell'elicottero che, una volta individuati i due alpinisti, ha verricellato sul posto il Tecnico di Elisoccorso.
I due, illesi, sono stati recuperati a bordo dell'elicottero con un unico verricello e affidati agli operatori della Stazione Centro Fassa del Soccorso Alpino al rifugio Gardeccia.
 
Subito dopo lo stesso elicottero è volato sul sentiero che dall'arrivo della seggiovia Costabella porta al Rifugio Passo Selle (passo San Pellegrino, Moena), per soccorrere un'escursionista del 1954 di Taurianova (RC) con una probabile frattura a un arto inferiore, in seguito ad una caduta.
Sul posto erano già presenti gli operatori della Stazione di Moena del Soccorso Alpino, il personale della Croce Rossa e l'infermiere dell'autosanitaria che hanno prestato le prime cure alla donna.
L'infortunata è stata elitrasportata all'ospedale di Cavalese, mentre i compagni di escursione sono stati accompagnati a valle dai soccorritori della Stazione di Moena.
 
Si è concluso intorno alle 18.30 un lungo intervento complicatosi per le difficili condizioni meteorologiche. Due escursionisti tedeschi hanno chiamato il Numero Unico per le Emergenze 112 intorno alle 15.30, dopo essere stati sorpresi dal temporale, mentre stavano percorrendo la ferrata Roda di Vaél (gruppo del Catinaccio), a una quota di circa 2.600 metri.
Il Tecnico di Centrale Operativa del Soccorso Alpino e Speleologico, con il Coordinatore dell'Area operativa Trentino settentrionale, ha chiesto l'intervento dell'elicottero che, tuttavia, non è riuscito a decollare da Trento a causa del forte temporale in atto.
Una squadra di quattro operatori della Stazione Centro Fassa - di cui un sanitario - si sono incamminati per raggiungere via terra i due escursionisti, illesi ma infreddoliti e spaventati.
Intorno alle 17 i soccorritori sono arrivati sul posto, hanno messo in sicurezza i due escursionisti e li hanno rifocillati.
Poiché il meteo non consentiva ancora l'avvicinamento dell'elicottero, i soccorritori hanno cominciato la discesa fino a quando, intorno alle 17.45, una finestra di bel tempo ha permesso all'elicottero di salire in quota ed effettuare il recupero con il verricello, circa 200 metri sotto la cima della Roda di Vaèl.
I due escursionisti sono stati elitrasportati all'ospedale di Cavalese per accertamenti, mentre i soccorritori sono rientrati a valle a piedi, poiché un peggioramento delle condizioni meteorologiche non ha permesso all'elicottero di ritornare in quota per il recupero.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni