Home | Interno | Cronaca | Grave incidente al Fassa Bike Park sul Col Rodella

Grave incidente al Fassa Bike Park sul Col Rodella

Il Soccorso alpino ha recuperato il biker, lo ha stabilizzato e trasportato d’urgenza con l’elicottero all’ospedale di Cavalese

image

>
Ѐ stato elitrasportato in gravi condizioni all'ospedale di Cavalese, un biker del 1966 di Città di Castello (PG) che ha perso il controllo della sua mountain bike ed è finito a sbattere contro degli alberi, mentre stava scendendo lungo la pista Rode Line del Fassa Bike Park sul Col Rodella (Canazei).
L'incidente è avvenuto a una quota di circa 1.800 metri.
La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata intorno alle 12.
 
Il Tecnico di Centrale Operativa del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l'intervento della Guardia attiva del Soccorso Alpino di turno a Canazei, che si è portata sul posto con il mezzo, e dell'elicottero di Trentino Emergenze.
L'elicottero è atterrato poco lontano ed ha sbarcato sul posto il Tecnico di Elisoccorso con l'equipe medica.
L'infortunato è stato stabilizzato e recuperato a bordo dell'elicottero, per essere trasferito d'urgenza all'ospedale di Cavalese per i politraumi riportati nella caduta.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni