Home | Interno | Cronaca | Muore schiacciato da una cabina della cabinovia «Paradiso»

Muore schiacciato da una cabina della cabinovia «Paradiso»

Il terribile incidente sul lavoro è avvenuto stamattina sull’impianto che dal Tonale porta al Presena. La vittima è Giovanni Delpero, 58 anni di Vermiglio

Erano le 8.45 di stamattina quando si è consumata la tragedia sull’impianto funiviario che dal Tonale porta al Presena.
La vittima è Giovanni Delpero, 58enne di Vermiglio, da 30 anni operaio presso gli impianti della cabinovia «Paradiso».
Non si conoscono le cause della tragedia. L’operaio stava lavorando alla stazione di arrivo dell’impianto per compiere un controllo di routine.
Poi, improvvisamente, una cabina lo ha schiacciato e fatto cadere violentemente a terra.
 
Sono intervenuti immediatamente i soccorsi con due elicotteri.
Delpero è stato elitrasportato al S. Chiara di Trento, ma purtroppo aveva già cessato di vivere in seguito alle ferite riportate nell’impatto.
La tragedia ha scioccato i dirigenti della società, in quanto il dipendente era uno dei più esperti in forza all’impianto, che è ancora in servizio.
Il presidente delle Funivie Paradiso ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia del povero lavoratore.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni