Home | Interno | Cronaca | La Guardia di Finanza di Brunico sequestra 3.240 litri di birra

La Guardia di Finanza di Brunico sequestra 3.240 litri di birra

Denunciate tre persone per aver importato la birra senza i necessari documenti previsti dalla legge sulle accise

La Guardia di Finanza di Brunico ha sequestrato 3.240 litri di birra in evasione di imposta: tre denunciati.
I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Brunico, nell’ambito dei servizi di contrasto ai traffici illeciti eseguiti presso la locale barriera autostradale dell’A22 (lato uscita Stato), hanno proceduto al fermo e all’ispezione di un autoarticolato intestato a una società di spedizioni italiana, condotto da un cittadino rumeno che si stava recando in Germania.
 
Nel corso del controllo, è emerso che l’autista del mezzo stava trasportando 3.240 litri di birra (suddivisi in 108 fusti da 30 litri ciascuno) in assenza del documento amministrativo e-AD emesso dal sistema «EMCS», necessario per il trasporto di bevande alcoliche in sospensione di accisa.
In particolare, la birra, prodotta da una società tedesca, era entrata nel territorio nazionale senza aver assolto quel tributo e, dopo un periodo trascorso in Italia, stava per essere introdotta nuovamente in Germania.
 
«EMCS» è un sistema informatizzato comunitario per il controllo dei movimenti tra gli Stati membri dei prodotti che non hanno ancora corrisposto l’accisa, cioè l’imposta di fabbricazione che grava su determinati prodotti, quali alcol e bevande alcoliche, vino, tabacchi e prodotti energetici.
Il sistema prevede, per i movimenti di queste merci, la sostituzione del documento amministrativo di accompagnamento (DAA) in formato cartaceo con un messaggio elettronico, che consente alle forze dell’ordine operanti su strada di svolgere i controlli in tempo reale.
 
L’intera partita di birra è stata sottoposta a sequestro mentre il conducente del mezzo nonché i responsabili della ditta acquirente e della società di trasporto sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Bolzano per il reato di «Sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa», punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa dal doppio al decuplo dell’imposta evasa, non inferiore a 7.746 euro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande