Home | Interno | Cronaca | Escursionista disperso nella zona del bivacco Paolo e Nicola

Escursionista disperso nella zona del bivacco Paolo e Nicola

e ricerche svolte nella forcella Valmaggiore, gruppo del Lagorai, Predazzo, Val di Fiemme, finora sono senza esito

Sono ancora senza esito le ricerche dell'escursionista del 1996 residente a Scorzè (Ve) nella zona del bivacco Paolo e Nicola, nel gruppo del Lagorai.
Le ricerche sono cominciate questa mattina alle prime luci del giorno e sono proseguite per tutta la giornata, dopo che alcuni escursionisti hanno segnalato al Numero Unico per le Emergenze 112, intorno alle ore 0.30 di questa notte, la presenza nel bivacco di uno zaino con sopra un biglietto dove il proprietario diceva di avere in programma un'escursione verso cima Cece; non vedendo rientrare nessuno al bivacco, hanno lanciato l'allarme.
Le squadre presenti in alta quota sono rientrate intorno alle 18.30, con l'arrivo del buio, mentre prosegue il lavoro del centro operativo per programmare la giornata di domani.
 
Fin dalla prima mattina di oggi, le operazioni di ricerca si sono concentrate nei pressi del bivacco Paolo e Nicola, situato a una quota di circa 2.100 metri tra la Val di Fiemme e la Valle del Vanoi, nel gruppo del Lagorai, lungo il sentiero che dal bivacco porta verso cima di Cece, posta a 2.754 meteri e lungo tutti i versanti della cima.
A causa della presenza di nebbia in quota non è stato possibile effettuare sorvoli dall'alto sull'area per buona parte della giornata.
Alcune squadre di soccorritori sono salite via terra dalla Valmaggiore (Moena) e da Malga Miesnotta di sopra (Caoria), mentre altre sono state elitrasportate in quota fino al limitare delle nebbie e hanno lavorato tutto il giorno, fino all'arrivo del buio.
 
Oltre al gruppo Tecnici di Ricerca del Soccorso Alpino e Speleologico, alle squadre delle Stazioni di Moena, Caoria, Tesino e San Martino di Castrozza e alle unità cinofile del Soccorso Alpino, stanno collaborando alle ricerche la Guardia di Finanza con droni e cinofili, i cani molecolari della Scuola provinciale cani da ricerca e catastrofe, i cinofili della Croce Rossa, i Vigili del Fuoco con i droni, il Centro addestramento alpino di Moena.
Nel pomeriggio, grazie a un parziale miglioramento delle condizioni meteo, l'elicottero della Guardia di Finanza, dotato del sistema IMSI-Catcher per localizzare i telefoni cellulari, ha effettuato un sorvolo ma senza esito, mentre l'elicottero di Trentino Emergenza ha trasferito al bivacco Paolo e Nicola il personale dei Vigili del Fuoco con i droni e il cane molecolare.

Purtroppo però le ricerche non hanno ancora dato nessun esito e proseguiranno anche nella giornata di domani. Sul posto sono presenti anche gli Psicologi per i Popoli, attivati per dare supporto ai familiari del disperso.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande