Home | Interno | Cronaca | Il giovane cacciatore morto in val di Pejo non si è suicidato

Il giovane cacciatore morto in val di Pejo non si è suicidato

L’autopsia rivela una prima verità: Massimiliano Lucietti è stato ucciso con un colpo alla nuca

L’unico dato certo è che Massimiliano Lucietti, il cacciatore 24enne trovato morto nei boschi di Celledizzo (Pejo), non si è ucciso. È stato ammazzato con un colpo di fucile sparatogli alla nuca dalla distanza di mezzo metro.
La Procura di Trento non esclude ancora nessuna ipotesi, compresa quella dell’omicidio volontario.
D’altronde si dovrà fare chiarezza anche sul suicidio di un altro cacciatore, Maurizio Gionta di 59 anni del posto, avvenuto meno di 24 ore dopo la morte di Lucietti non lontano da dove è stata trovata la prima vittima.
Quest’ultimo ha lasciato un biglietto d’addio che non dovrebbe lasciare dubbi.
Non resta dunque che aspettare le risultanze delle perizie e la ricostruzione ufficiale degli inquirenti.
Nel frattempo però il paese, che ha 1.800 abitanti, è sotto shock.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande