Home | Interno | Cronaca | Il questore di Bolzano chiude il Bar Monopol di Merano

Il questore di Bolzano chiude il Bar Monopol di Merano

Registrate turbative all’ordine pubblico e alla sicurezza dei cittadini, quali ritrovo di pregiudicati ed esibizione di armi – Sospesa la licenza per 155 gioorni.

Il Questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori ha disposto la sospensione della Licenza e la contestuale, immediata chiusura del Bar «Monopol», che si trova a Merano, in Via Parrocchia 9.
Il provvedimento del Questore, che avrà una durata di 15 giorni, è conseguente alle gravi problematiche per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini che si sono venute a creare negli ultimi tempi.
 
Numerosi ed assai problematici, infatti, sono stati gli interventi anche in emergenza che le Forze dell’Ordine sono state costrette a fare per evitare che situazioni di criticità potessero evolversi con epiloghi ben più gravi:
 
-    nella serata del 7 gennaio scorso personale della Squadra Volanti interveniva all’interno del “Bar Monopol” in quanto poco prima due Militari liberi dal servizio avevano immobilizzato un soggetto pluripregiudicato armato di coltello mentre cercava di aggredire, all’interno del Locale, un altro individuo anch’egli pluripregiudicato, entrambi conosciuti negli ambienti dello spaccio di stupefacenti
 
-    il 5 marzo scorso, un equipaggio della Squadra Volanti interveniva presso il Bar Monopol, per segnalazione di un soggetto che stava provocando altri avventori con un’arma da fuoco; l’episodio che ha avuto per protagonista questo soggetto – in seguito identificato per un 53enne pluripregiudicato – aveva destato notevole allarme tra gli avventori e gli abitanti della zona, e comportato un considerevole impiego di Forze di Polizia
 
-    In occasione di numerosi altri interventi effettuati anche negli ultimi giorni, le Forze di Polizia hanno potuto riscontrare come il Bar Monopol rappresenti abituale ritrovo di persone pericolose e pregiudicate per reati di varia natura e gravità, in particolare per spaccio di sostanze stupefacenti, tanto da far concretamente ritenere che lo stesso Pubblico Esercizio venga utilizzato quale punto di riferimento e di contatto tra spacciatori e “clienti” tossicodipendenti, costituendo, di conseguenza, una fonte di pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini.
 
Da qui l’odierna decisione del Questore, il quale ha disposto la sospensione della Licenza e l’immediata chiusura del Bar Monopol in base all’Articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: si tratta, anche in questo caso, di un Provvedimento finalizzato a far si che venga interrotta una situazione di fatto gravemente compromissoria per l’ordine e la sicurezza pubblica, e ciò a prescindere da ruolo assunto dal gestore – il quale, peraltro, l’ha sostanzialmente tollerata, in quanto risulta che mai, in passato, abbia provveduto a sollecitare personalmente l’intervento della Forza Pubblica – in quanto tale provvedimento, per la sua natura giuridica, non è destinato a sanzionare nello specifico il suo comportamento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande