Home | Interno | Cronaca | Bolzano, la Polizia rincorre e arresta lo stalker accanito

Bolzano, la Polizia rincorre e arresta lo stalker accanito

Aveva perseguitato, diffuso video intimi e minacciato di morte la sua ex amante – Il Questore lo sottopone a «sorveglianza speciale»

Nella giornata di sabato, durante il normale servizio di pattugliamento e di prevenzione generale lungo le strade ed i quartieri del Capoluogo, gli Agenti della Squadra Volanti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto un bolzanino di 47 anni, in flagranza del reato di Atti Persecutori (stalking) nei confronti di una donna residente a Bolzano con cui in passato aveva intrattenuto una relazione sentimentale.
Nel pomeriggio di ieri, la Centrale Operativa della Questura aveva ricevuto una richiesta di intervento da parte della vittima, che in quel momento stava scappando per le vie cittadine in quanto pedinata e minacciata dal suo ex amante, che non si rassegnava alla fine della relazione.
 
Intervenuti immediatamente sul posto, dopo aver individuato l’automobile utilizzata dallo stalker i Poliziotti riuscivano a bloccarlo in breve tempo, dopo che costui aveva effettuato alcune manovre tali da mettere in pericolo i pedoni e gli altri automobilisti.
Fatto scendere immediatamente dall’automobile, l’uomo – già conosciuto dalle Forze dell’Ordine per precedenti specifici per reati da Codice Rosso – veniva condotto negli Uffici della Questura per il prosieguo degli accertamenti.
 
Al momento di formalizzare la denuncia, la vittima riferiva di avere intrapreso da circa 2 anni una frequentazione con il suo attuale persecutore; costui, all’insaputa della donna, l’aveva video-ripresa durante i loro rapporti intimi, per poi minacciarla di diffondere le immagini nel caso in cui lei avesse avuto l’intenzione di frequentarlo.
Per più di un anno la donna, per paura delle minacce, aveva continuato ad avere rapporti intimi con il suo aguzzino, al solo scopo di evitare la divulgazione di tali immagini.
 
Nonostante ciò, l’uomo non aveva mancato di mostrare i video ad alcuni conoscenti in comune: fatto, questo, che ha determinato la vittima ad interrompere il rapporto con il suo persecutore e a denunciarlo, intimandogli di non farsi mai più vedere.
Indifferente riguardo alla volontà della ex partner, l’uomo aveva reagito tempestandola di telefonate, messaggi, recapito di biglietti amorosi e fiori, il tutto con continui ed ossessivi pedinamenti, appostamenti ed apparizioni a sorpresa nei luoghi frequentati dalla vittima.
 
Tale atteggiamento faceva crescere nella donna uno stato di forte ansia ed agitazione, tanto che indurla, consigliata dalle persone a lei più vicine, a recarsi negli Uffici della Questura per chiedere informazioni sul comportamento da mantenere se si fossero ripresentate situazioni simili a quelle sopra descritte.
Il persecutore, una volta resosi conto del fatto che la ex amante si era rivolta alla Polizia, cambiava repentinamente atteggiamento, arrivando a minacciarla ripetutamente di morte; la vittima, inoltre, in varie occasioni si è trovata con i pneumatici della propria bicicletta squarciati, e con il serbatoio della sua auto pieno di sostanze idonee a distruggerne il motore.
 
Esasperata, impaurita e timorosa che la situazione potesse evolversi in tragedia, la vittima si decideva finalmente di formalizzare alla Polizia la denuncia nei confronti dell’aguzzino.
Uscita dalla Questura da pochi minuti, nel pomeriggio di ieri la donna richiamava gli Agenti riferendo che, mentre lei si trovava a bordo della sua bicicletta per effettuare alcune commissioni, si era accorta che il suo ex compagno la stava seguendo con la sua autovettura.
 
Dalla visione delle telecamere di sicurezza del Comune di Bolzano, gli Agenti della Centrale Operativa della Polizia erano in grado di seguire in tempo reale gli spostamenti del persecutore, in modo tale da comunicarli ai colleghi della Volante e da consentire a questi ultimi di individuarlo e bloccarlo in pochi istanti, nel momento in cui costui, come si è detto, stava effettuando nel traffico manovre azzardate per non perdere di vista la preda, tali da mettere in pericolo mezzi e persone.
 
Palesemente scossa e spaventata per l’accaduto, la vittima confermava, ad integrazione della denuncia, quanto poc’anzi accaduto: avvicinata dall’uomo mentre si trovava in sella alla propria bicicletta, quest’ultimo, alla guida della propria autovettura, iniziava a minacciarla e ingiuriarla financo, costringendola ad invertire il senso di marcia per cercare di sfuggire al suo controllo.
Tentativo di fuga rivelatosi inutile in quanto l’aggressore, sceso dall’auto, la bloccava impedendole di fuggire.
 
Condotto l’uomo negli Uffici della Questura, dalle successive indagini emergevano i precedenti dell’uomo, non nuovo nel commettere atti persecutori.
Al termine degli atti di Polizia Giudiziaria, il persecutore veniva dichiarato in arresto e messo a disposizione della Autorità Giudiziaria.
 
In considerazione di quanto accaduto e dei precedenti a suo carico, il Questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori, dopo aver attivato al riguardo la Divisione Anticrimine della Questura, ha disposto l’avvio della procedura finalizzata alla emissione nei confronti di dell’arrestato la Misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza. 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande