Home | Interno | Cronaca | Interessante iniziativa per trovare i proprietari dei cani smarriti

Interessante iniziativa per trovare i proprietari dei cani smarriti

L'Anagrafe Canina è diventata un portale multimediale. In realtà, però, la novità consiste in un sistema volto a ridurre sensibilmente la piaga dell'abbandono

Dal 2004 in Provincia di Trento chi ha un cane deve registrarlo all'Anagrafe Canina. Qui vengono presi i dati del cane e del padrone, il quale è obbligato anche a comunicare gli eventuali cambiamenti di proprietà, di abitazione, della morte del cane o qualcuno dovrà farlo nell'eventualità del decesso del padrone.
Alla pratica del cane iscritto viene attribuito un numero di registrazione di 12 cifre. Tale numero viene applicato ad un microchip delle dimensioni di qualche millimetro, il quale viene a sua volta inserito con una specie di pistola-iniezione a livello sottocutaneo generalmente dalla parte sinistra del collo dell'animale. Con un apposito strumento RFID (Radio Frequency Identificator) in dotazione ai vigili urbani e ad altri operatori del settore, si può "leggere" immediatamente il numero di codice puntando l'apparecchio verso la probabile posizione di alloggiamento del microchip. Individuato il numero si risale subito al suo proprietario, il quale anzi riceve un SMS che lo inviterà a venirselo a prendere al Canile Municipale.
Questo sistema è stato presentato oggi in una conferenza stampa dall'assessore provinciale Iva Berasi, la quale ha sostanzialmente descritto il sistema come un modo per far felici rapidamente i proprietari dei cani smarriti.
In realtà, però, il sistema si è proposto un obbiettivo molto meno romantico, che è quello di impedire ai proprietari di abbandonare i cani. Basti pensare al cane abbandonato in autostrada. Non appena trovato, vivo o morto che sia, l'animale viene immediatamente individuato grazie al lettore RFID. Il padrone riceve un SMS che lo invita a presentarsi a rilevare l'animale.

Ma il sito dell'Anagrafe Canina Trentina diventerà presto un vero e proprio portale di riferimento per tutti i proprietari di cani. Già oggi è possibile grazie alla banca dati dell'Anagrafe Canina avere un quadro e informazioni dettagliate sulla popolazione canina provinciale. In Trentino i cani "censiti" sono 34.174 (33.741 con microchip e 433 con tatuaggio), uno ogni dodici residenti, ma si calcola che il numero effettivo sia di non meno di 40.000; 292 quelli ospitati in canile, 866 quelli iscritti con passaporto. Oltre 5.200 quelli nel comune di Trento, 1540 a Rovereto, 1182 a Pergine, 1048 ad Arco, 868 a Riva del Garda, 648 a Levico Terme, 527 a Mori. Ben 225 sono le razze presenti, con una netta prevalenza del meticcio (13.473), seguito da pastore tedesco (4462), setter inglese (1656), segugio italiano (1296), labrador retriever (1085), barbone (967). Una curiosità: i nomi di cane più diffusi sono "Luna" (582) e "Stella" (540), seguiti da "Lucky", "Kira", "Rocky", "Diana", "Black", "Laika", "Birba" e "Rex".

L'assessore Berasi ha anche confermato che si stanno organizzando dei corsi per assegnare ai cani la patente di «buon cittadino a quattro zampe». Saranno corsi per i cani e i loro padroni, per insegnare loro a vivere in sinergia e poter permettere ai cani "educati" di entrare nei ristoranti, nei negozi, nei parchi pubblici e sull'autobus. Una patente che altrove, ad esempio a Vienna, c'è già da due anni.
Con l'attivazione dell'Anagrafe Canina - alla quale, va ricordato, vi è l'obbligo per legge di iscrivere il proprio cane pena una sanzione - il numero di cani non «chiappati» si sta riducendo in numero notevole. È però necessario - come afferma Franco Gatti dei servizi veterinari dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari - continuare nell'azione di sensibilizzazione e informazione dei cittadini proprietari di cani.
Dalla sua attivazione (novembre 2004) alla fine di novembre di quest'anno gli accessi alla banca dati dell'Anagrafe Canina provinciale sono stati 17.712, 650 tramite sms. I vigili urbani di quasi tutti i comuni trentini sono ormai collegati all'Anagrafe. La rapida individuazione del proprietario di un cane smarrito, oltre che investire la sfera affettiva, ha anche una valenza economica: la restituzione in tempi rapidi dell'animale al proprietario, infatti, comporta un risparmio sui costi dovuti alla temporanea permanenza dell'animale stesso al canile. Un dato: in Italia si spendono ogni anno non meno di 50 milioni di euro per gestire il fenomeno del randagismo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande