Home | Interno | Cronaca | Sicurezza e soccorso in montagna a San Pellegrino

Sicurezza e soccorso in montagna a San Pellegrino

La Polizia di Stato ha recuperato uno scialpinista di 62 anni che, a 2.600 metri di quota, non era più in grado di procedere da solo

image

>
Nel fine settimana gli Agenti della Polizia di Stato del distaccamento di Sicurezza e Soccorso in montagna di San Pellegrino hanno messo a dura prova le loro capacità tecniche ed atletiche per salvare l’incolumità di uno sciatore che stava trascorrendo una vacanza sulle nevi del trentino.
A San Pellegrino un praticante dello sci-alpinismo era partito dal Passo S. Pellegrino per risalire, in furori pista, la nordica del col Margherita. Giunto a 100 metri dalla vetta, a circa 2.600 metri, veniva colto da crisi di panico perché il manto nevoso era ghiacciato ed affioravano le rocce dalla neve.
L’uomo, un 62 enne altotesino, incapace di procedere lungo la propria via chiedeva, tramite gli amici, l’intervento del personale della Polizia di Stato in servizio in quella località.
Gli Agenti vista la zona impervia, con non poca difficoltà si calavano con delle corde lungo il fuori pista, riuscendo a raggiungere lo sciatore in difficoltà.
 
L’uomo, in ipotermia, dopo aver ricevute le prime cure, veniva adagiato su una barella per poi essere agganciato al verricello dell’elicottero in volo.
La spettacolare manovra del personale del 118, si rendeva necessaria a causa dell’instabilità del manto nevoso che non permetteva l’atterraggio dell’elicottero.
Una volta agganciata la barella il velivolo riusciva ad atterrare poco distante ad a prelevare l’uomo.
Svolte le prime manovre l’elicottero scendeva a valle dell’impianto dove l’uomo veniva, tramite autolettiga trasportato all’ospedale.
Questo episodio, comune a molti altri che avvengono durante il servizio svolto dalla Polizia di Stato sulle piste da sci, commenta il vice Questore Salvatore Ascione, denota come il ruolo e la funzione del personale che svolge il servizio di Sicurezza e Soccorso in montagna, non si declina solo nella fase della prevenzione, ma svolge un ruolo fondamentale anche nel soccorso e nella gestione della sicurezza della montagna.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni