Home | Interno | Politica | Verso le elezioni amministrative di Trento – Di Damiano Luchi

Verso le elezioni amministrative di Trento – Di Damiano Luchi

Onda civica punta sulla cultura e candida un professore musicista: scende in campo Piercarlo Torri

image

>
«Mi chiamo Piercarlo Torri, sono un musicista trentino, laureato in violino e in musica da camera, ho inoltre conseguito un master in Programmazione e marketing della performance musicale.
«Insegno violino e musica d’insieme presso la scuola Musicale dei Quattro Vicariati OperaPrima iscritta al Registro Provinciale delle Scuole Musicali, che sono distribuite sul territorio trentino.
«Credo di essere una persona coerente e piuttosto elastica, che affronta le nuove sfide con energia ed entusiasmo, per quanto riguarda i difetti…non vorrei dilungarmi troppo.
«Ho scelto di candidarmi in Onda Civica, perché, oltre a condividerne lo slogan coraggio e coerenza, ritengo che, non solo i contenuti del programma siano in linea con il mio pensiero, ma in perfetta coerenza con il lavoro fatto in passato dai consiglieri che l’hanno fondata.»


Cosa ne pensa delle tanto dibattute aperture domenicali?
«Sono favorevole ad una regolamentazione della giungla sulle aperture domenicali, magari fissando un numero annuale e tenendo conto di alcuni punti fondamentali:
1) la concreta difficoltà in cui sarebbero messi i piccoli esercizi commerciali nel caso in cui le aperture fossero tutte le domeniche, scelta che avvantaggerebbe solo le grandi catene, portando in alcuni casi anche alla chiusura di negozi caratteristici della nostra regione
2) dobbiamo tener conto che la decisione di tenere sempre aperto la domenica non ha incrementato l’occupazione, ma l’ha trasformata, sebbene con un’esigua maggiorazione di retribuzione, una giornata lavorativa quasi “ordinaria”, gravando quindi sul personale già assunto
3) i contratti prevedono una giornata di riposo a settimana, ma alcune aziende hanno fatto fare ai dipendenti due mezze giornate. Ancora una volta il peso cade sulle parti più deboli.»
 
Quali sono le priorità per Trento?
«Credo che in questo momento le priorità per la nostra città siano ambiente e sviluppo.
«Il benessere di ogni cittadino è anche legato alla qualità dell'ambiente dove vive.
«In Trentino per esempio è importante una più attenta regolamentazione nell'impiego di pesticidi, per l'uso dei quali purtroppo siamo al secondo posto in Italia.
«Dobbiamo investire su istruzione e cultura, valorizzando i giovani, che escono dalle nostre università, dall'accademia, dal conservatorio, sia all'interno della regione sia all'esterno (gemellaggi, scambi ecc..).
«Inoltre è fondamentale continuare ad investire sulle importanti realtà locali, per citarne solo alcune, i musei, le bande, i cori, le scuole musicali trentine.
«Queste ultime, come quelle presenti in Alto Adige, oltre ad essere uniche a livello nazionale per organizzazione, struttura e capillarità, diffondono la musica su tutto il territorio, colmando così una pesante lacuna all’interno della scuola dell’obbligo. Lo sviluppo infatti, anche quello economico, lo si può’ ottenere soprattutto attraverso la conoscenza, la cultura, la formazione adeguata e la valorizzazione dell’istruzione.»
 
Polizia locale va «rinforzata» e dotata di taser e bodycam?
«Secondo me la sicurezza percepita dal cittadino è in parte anche in relazione all’aumento di immigrati, che se non gestito bene, può portare ad un effettivo disagio. Anche la sicurezza contribuisce al nostro benessere.
«Credo quindi che sia necessario rafforzare, potenziare i controlli da parte delle forze dell’ordine.
«A tal proposito sono favorevole al binomio Bodycam più Taser, il cui impiego, se accompagnato da precise regole d’ingaggio, può fungere da deterrente e garantire trasparenza durante l'intervento.»
 
Un parere sulla amministrazione uscente?
«Ritengo che l’amministrazione comunale non abbia fatto abbastanza sia sullo sviluppo che sulla valorizzazione del nostro ambiente. Si parla infatti di città turistica per esempio, ma basta fare un giro sul Monte Bondone e notarne il degrado: alberghi chiusi e abbandonati, caserme diroccate ecc…»
 
Ci sono buone possibilità di vittoria?
«Difficile fare previsioni, ma posso dire di essere fiducioso che i cittadini trentini riconoscano anche il lavoro fatto in passato dai consiglieri comunali, che hanno fondato la lista, e da Filippo Degasperi nostro candidato sindaco, in totale coerenza con il programma che presentiamo.»

Damiano Luchi


Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni