Home | Interno | Politica | Zingaretti spiazza tutti: si dimette da segretario del PD

Zingaretti spiazza tutti: si dimette da segretario del PD

Dopo le sterili diatribe su argomenti di minore importanza, la pragmatica decisione

image

>
In Italia le dimissioni sono così rare che finora hanno sempre premiato il dimissionario.
Fatto sta che improvvisamente il segretario politico del PD, Nicola Zingaretti, si è dimesso dalla carica.
E l’ha fatto in modo polemico, sia nei modi che nei contenuti. Lo ha anticipato nei social e ha accusato i vertici del partito di essere interessati solo alle poltrone e proprio in un momento in cui l’Italia sta per affrontare una nuova ondata di pandemia.

Era da tempo che i leader di partito aprivano la bocca solo per protestare. A volte con ragione, a volte per problemi minori, ma Zingaretti non ha avuto un attimo di tregua.
Forse l’ultima goccia che ha fatto traboccare il vaso è statala reazione alla scelta di far entrare nella giunta della Regione Lazio dei Grillini, che in campagna elettorale erano avversari.
Sembrava quasi che facesse parte di un piano organizzato per spianare la strada ad altre conquiste politiche, come la gestione della poltrona di sindaco di Roma.

Ma al momento il PD deve fare i conti con se stesso. Quando eleggi un segretario te lo tieni e lo segui anche quando non condividi le scelte.
Le anime del PD sono molte, è vero, ma magari la fronda poteva essere gestita cum grano salis.
Come dicevamo, in Italia le dimissioni ripagano. Vediamo se Zingaretti ritorna, più potente di prima.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni