Home | Interno | Politica | Gli sviluppi imprevedibili della crisi del Movimento 5 Stelle

Gli sviluppi imprevedibili della crisi del Movimento 5 Stelle

La lite tra Grillo e Conte potrebbe mettere in seria difficoltà i Democratici sia in vista delle amministrative che dell'elezione del Presidente della Repubblica

La lite tra Grillo e Conte sembra destinata a non giungere a una soluzione pacifica e, anzi, si fa sempre più concreta la possibilità di una scissione del Movimento 5 Stelle.
Grillo vuole mantenere il ruolo di leader della sua creatura e per farlo non ha esitato a ridicolizzare l’ex premier Conte.
Conte, come prevedibile, mantiene la sua rotta, forte di un notevole appoggio che ha coltivato presso i parlamentari pentastellati.
Grillo, più per fare un dispetto a Conte che per recuperare i codici originali, ha addirittura riesumato la Piattaforma Rousseau. Vuole invitare gli iscritti a esprimersi sulla leadership col vecchio sistema.

Crimi, capo politico per anzianità e non per elezione, ha reagito avviando le azioni necessarie per giungere alle elezioni del Comitato Direttivo. Ha inviato una circolare via mail per sollecitare la presentazione delle candidature.
Quindi non ha invitato a esprimersi direttamente tra i due contendenti alla guida del movimento, ma sta costruendo un organismo politico più ristretto che poi proceda a una scelta finale. Dove verosimilmente si troverà anche lui.
Ma è significativo che Crimi abbia organizzato il sondaggio con uno strumento diverso dalla Piattaforma Rousseau, come richiesto dal garante. Si tratta di una nuova piattaforma di voto elettronico sviluppata da una società specializzata.
Scelta che potrebbe portare ulteriori argomenti di lite, dato che i contrari negheranno la validità del risultato.

Come abbiamo accennato nell’articolo precedente, una eventuale scissione potrebbe divenire pericolosa per il PD che contava sull’appoggio del movimento alle prossime elezioni amministrative.
Se nella maggioranza che sostiene Draghi continueremo a vedere tutti i partiti anche dopo un’eventuale scissione dei Pentastellati, Letta potrebbe trovarsi a negoziare con due anime diverse dello tesso Movimento. Qualcuna più a destra e qualcuna più a sinistra.
Draghi riuscirà a fare il suo lavoro nonostante queste baruffe chiozzotte, ma il primo e vero scontro epocale lo si avrà quando il parlamento verrà chiamato a eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.
Con la prospettiva di maggioranze ad assetto variabile, tutte le opzioni saranno possibili.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni