Home | Interno | Politica | «Car sharing interno»: la Provincia risparmierà 30 automobili

«Car sharing interno»: la Provincia risparmierà 30 automobili

Troppe auto usate per soli 10.000 km all'anno: ora gli automezzi non saranno più a disposizione dei singoli Servizi ma di un unico Centro che ne ottimizzerà l'utilizzo

Con la condivisione di circa 80 autoveicoli su un totale del parco-macchine di 163, escluse quelle dedicate alle attività della Protezione Civile e Corpo Forestale, la Provincia autonoma di Trento mira a conseguire un risparmio di costi e ad offrire un ulteriore segnale di sensibilità nella razionalizzazione e nel contenimento delle spese provinciali.
Per giungere alla definizione di questo obiettivo - fissato oggi dalla Giunta provinciale su proposta del vicepresidente Alberto Pacher - negli ultimi mesi è stata fatta un'attenta ricognizione ed analisi della situazione di utilizzo degli automezzi da parte delle strutture provinciale.
 
Il progetto che ne è scaturito prevede di distinguere tra gli autoveicoli già efficientemente utilizzati dalle varie strutture di competenza (cioè gli automezzi che risultano impiegati per un chilometraggio medio adeguato), i quali resteranno, pertanto, in utilizzo esclusivo di tali strutture e quelli che invece non raggiungono lo standard medio di efficace utilizzo: questi ultimi saranno, dunque, gestiti con modalità tali da consentirne la condivisione d'uso («car sharing interno») attraverso un sistema informatizzato di prenotazione e gestione.
Va ricordato che l'uso dei veicoli in questione riguarda unicamente il personale provinciale che, per ragioni di servizio, deve raggiungere le varie località per effettuare controlli, sopralluoghi, partecipare a conferenze e via dicendo: si tratta di un'attività della quale è sicuramente attestabile l'indispensabilità e necessità e che a sua volta è oggetto di azioni di contenimento (si pensi, per fare un esempio, all'uso delle tecnologie informatiche che potrebbero anche evitare gli spostamenti per partecipare ad incontri e riunioni).
 
Per intanto, comunque, si è voluto fare un primo passo concreto verso un obiettivo che, senza comportare disagi o difficoltà organizzative, possa innovativamente puntare a conseguire la riduzione della spesa attraverso un meccanismo in realtà assai semplice: la condivisione degli autoveicoli dei quali è stata verificata, allo stato attuale, una loro sottoutilizzazione.
Il progetto punta a distinguere tra gli autoveicoli già utilizzati in maniera intensiva dalle varie strutture, i quali resteranno, pertanto, al loro esclusivo servizio, e quelli che, invece, non raggiungono lo standard medio di efficace utilizzo, che verranno gestiti con modalità di «car sharing interno» attraverso un sistema informatizzato di prenotazione e gestione.
 
Per conseguire efficacemente il risultato, la Provincia ha impartito una direttiva interna che imporrà alle strutture provinciali di privilegiare l'utilizzo degli automezzi condivisi prima di autorizzare l'impiego degli automezzi personali dei dipendenti: quest'ultimo impiego, pertanto, diventerà residuale, con l’utilizzo del car-sharing, perché prima di autorizzare l'utilizzo di tali automezzi (che comporta il riconoscimento delle relative indennità secondo quanto previsto dalla regolamentazione in vigore) si cercherà di utilizzare autoveicoli di proprietà provinciale, cosa che comporta un minor costo per l'amministrazione.
Il progetto consentirà, da subito, il conseguimento anche di un ulteriore risparmio: con la dismissione del 20 % degli autoveicoli in particolare quelli più obsoleti (e meno efficienti anche sul piano dei consumi) si potranno ridurre ulteriormente le spese di gestione, di manutenzione e di assicurazione.
 
 Per ovvie ragioni, la direttiva non riguarda alcuni automezzi che devono essere prioritariamente garantiti per funzioni particolari e che sono stati immatricolati per questi scopi speciali: pertanto le nuove regole non si estenderanno agli autoveicoli in dotazione alla Protezione civile ed al Corpo forestale.
La gestione centralizzata del progetto è stata assegnata al Servizio contratti e gestioni generali in collaborazione con il Servizio edilizia pubblica e logistica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni