Home | Interno | Politica | Medici pediatri: individuate le zone disagiate

Medici pediatri: individuate le zone disagiate

Ai pediatri che sceglieranno di operare in tali zone ricerevanno un compenso extra che sarà concordato secondo appositi accordi provinciali

Un'assistenza pediatrica adeguata anche in zone lontane dai principali centri urbani e dai relativi presidi sanitari: una richiesta «forte», avanzata da diverse comunità del Trentino, a cui l'Assessorato alla Salute e Politiche sociali ha deciso di dare risposta con la decisione assunta oggi dalla Giunta provinciale, su proposta dell'assessore Ugo Rossi.
Nei Comuni classificati come disagiati dei Distretti sanitari Est, Ovest e Centro Sud l'attività dei medici pediatri di libera scelta verrà potenziata.
 
Ciò consentirà di garantire alle famiglie un'assistenza adeguata e tempestiva, senza costringerle a spostamenti spesso faticosi per raggiungere il Distretto Sanitario più vicino.
Un ulteriore aiuto, quindi, a chi vive in montagna a cui devono essere garantiti le stesse prestazioni e gli stessi servizi di chi vive nei centri urbani e nelle vallate principali.
 
Individuate, sulla base di quanto previsto dall'Accordo nazionale di categoria dei medici pediatri di libera scelta, le zone classificate «disagiate» nelle quali l'attività pediatrica deve essere incentivata perché particolarmente gravosa.
Parliamo in sostanza di Comuni di montagna, dove la popolazione è dispersa su un vasto territorio e distante dai principali centri urbani. I criteri in base ai quali sono state individuate tali zone sono: popolazione inferiore ai 2000 abitanti, con esclusione dei comuni del Distretto sanitario Centro Nord; altitudine superiore ai 700 metri; densità della popolazione; distanza dai principali centri di riferimento distrettuale.

 Risultano disagiati in base a questi criteri i seguenti Comuni
- Distretto sanitario Est: Comuni di Palù del Fersina, Fierozzo, Bedollo, Capriana, Castello Tesino; Sagron Mis.
- Distretto sanitario Ovest: Comuni di Ruffrè, Bresimo, Sfruz, Ossana, Vermiglio, Peio, Molveno.
- Distretto sanitario Centro Sud: Comuni di Lavarone, Luserna, San Lorenzo in Banale.
 
Il compenso accessorio spettante ai pediatri di libera scelta che opereranno in tali zone sarà concordato nell'ambito di appositi accordi provinciali.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni