Home | Interno | Politica | «Serve una macrostrategia per arrivare alla macroregione alpina»

«Serve una macrostrategia per arrivare alla macroregione alpina»

Il presidente Dellai alla tavola rotonda promossa dalla Comunità montana Valli dell’Ossola a Domodossola

image

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, ha aperrto la tavola rotonda promossa dalla Comunità montana Valli dell’Ossola sul tema della «Macroregione delle Alpi: ripartire dal territorio per una strategia alpina europea».
Dopo avere ricordato che l’attualità del tema è intimamente legato alle difficoltà che l’ideale dell’Europa unita continua ad incontrare, Dellai ha insistito sull’opportunità di «ripartire dai contenuti della Convenzione delle Alpi, per puntare – una volta definita la macrostrategia – a costruire una rete solida, strutturata e permanente dentro la quale tutte le realtà istituzionali, economiche e sociali dei territori interessati possano muoversi valorizzando il dato della comune appartenenza a quest’area.»
 
Insomma, lo slogan è «la macroregione alpina è un tema di grande interesse, ma prima dobbiamo pensare ad una macrostrategia.»
«Purché – ha aggiunto il presidente trentino – si vigili sul rischio che questa operazioni non si trasformi in un pretesto per rafforzare le ambizioni che appartengono unicamente alle grandi aree metropolitane che stanno a Nord e a Sud delle Alpi.»
 
Sgombrando il campo dall’equivoco che questi ragionamenti siano dettati da idee votate al micronazionalismo, Dellai ha ricordato come il tema della «macroregione alpina» sia tornato a diventare «centrale», ma ha ricordato anche la necessità di elaborare una «macrostrategia» per riempirlo di contenuti.
«La proposta dunque è quella di ripartire dai contenuti della Convenzione delle Alpi (“forse l’opportunità più importante elaborata per le Alpi negli ultimi anni, che però non è stata colta appieno”) per costruire poi attorno a questi contenuti una rete solida, strutturata e permanente che attivi processi di co-decisione fra tutti i poteri pubblici e tutte le realtà economiche, sociali e culturali dei territori interessati, dentro la quale questi ultimi possano muoversi valorizzando il dato della comune appartenenza a quest’area.»
 
«Certo – ha aggiunto Dellai – ci sono molte problematiche alle quali va aggiunto il rischio che le Alpi, che devono sapere coltivare rapporti con le grandi pianure a Nord e Sud, non siano prese a pretesto per rafforzare obiettivi e ambizioni a favore delle aree metropolitane.»
 
Il core business dunque è e deve rimanere la montagna, il luogo cioè in cui sono racchiuse tante risorse, naturali ed economiche, ma anche giacimenti ideali e culturali e di esperienze secolari di autogoverno.
I problemi ovviamente non mancano e Dellai ha citato tra questi lo spaesamento, i rischi di omologazioni di vario genere.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni