Home | Interno | Politica | Gli interessi che ruotano attorno a un'unica tornata elettorale

Gli interessi che ruotano attorno a un'unica tornata elettorale

Le logiche che impediscono ai nostri politici di mettersi d’accordo sulla decisione di un eventuale «election-day»

Tanto per aggiornale i nostri lettori sulle avventure della legge elettorale, in questo momento il Parlamento sta discutendo su qualcosa che c’entra poco, ma cionondimeno significativo del periodo che stiamo passando in questo fine legislatura.
La querelle si è incentrata a favore o contro l’ipotesi di votare in un’unica tornata sia per le elezioni regionali che per le politiche.
Le regioni più importanti che andranno al voto sono Lazio e Lombardia, che da sole rappresentano buona parte del paese e che, guarda caso, vanno a elezioni anticipate per ragioni certamente poco edificanti.
 
Le votazioni regionali dovrebbero svolgersi entro tre mesi, mentre quelle politiche Dovrebbero avvenire in aprile.
Per fare un unico election-day ovviamente si dovrebbe sciogliere il Parlamento due mesi prima della cadenza naturale.
Per qualche motivo, i partiti non si mettono d’accordo neppure in questo. Ma perché qualcuno vuole votare in un’unica data e altri in due date diverse?
 
Come si può pragmaticamente immaginare, il risparmio non è un obbiettivo ma semmai una scusa. Non tanto perché i nostri politici siano cinici, ma perché le decisioni avvengono sulla base delle singole convenienze.
La logica è questa. Ogni votazione comporta uno scostamento comportamentale degli elettori, nel senso che - conoscendo i risultati elettorali - molti cambierebbero il voto.
È la ragione per cui i sondaggi sono vietati un mese prima del voto, in quanto l’idea che vinca l’uno piuttosto che l’altro potrebbe portare quantomeno gli indecisi a votare per parte avversa.
 
Non è una posizione qualunquistica, ma semplicemente nella natura delle cose.
Tolto chi sa per chi votare o per chi non votare, gli indecisi non amano mai i partiti che votandoli li hanno fatti vincere.
Visto il vuoto dell’ultima votazione (Sicilia), questa varabile viene studiata con attenzione, anche perché le astensioni importanti non sono dettate dal dubbio ma dalla volontà di non votare il proprio partito.
E adesso proviamo a trasportare questo ragionamento sulle ipotesi di partenza.
 
Chi pensa di vincere la prima tornata elettorale, atteso che il nostro ragionamento sia giusto, vorrebbe fare entrambe le votazioni in un medesimo giorno, perché la volta dopo potrebbe perdere.
Viceversa, quindi, chi ha seri dubbi di non farcela vuole votazioni separate.
E dato che nella logica temporale al momento si dovrebbe votare prima per le regionali e poi per le politiche, secondo noi non si metteranno mai d’accordo neppure su questo e le cose andranno avanti da sole. Verso le due tornate elettorali.
 
Ricordiamo infatti che non si possono anticipare le elezioni parlamentari così alla leggera. La prassi vuole che caschi il governo, che il parlamento non riesca ad esprimerne un altro e che, dopo tutti i tentativi possibili dettati dalla Costituzione, il Presidente della Repubblica - d’accordo con i presidenti di Camera e Senato - sciolga le camere.
Con un Presidente così autorevole e con un Parlamento così debole, è facile pensare che il Colle potrebbe da solo prendere le decisioni del caso.
Oggi Napolitano si è espresso in questa direzione, ma ha anche precisato che si tratterebbe di una soluzione estrema e comunque solo dopo il cambio della legge elettorale.
Il che potrebbe voler dire tutto e niente.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
fabio dalledonne 21/01/2013
Tema del giorno: LA COERENZA.
Marcello Carli si era proclamato l'anti Dellai alle provinciali...ora ha cambaito idea. Viva la libertà di scegliere - per carità - abbasso la coerenza...tanto non serve.
Buon lavoro.

Redazione: Senza nulla togliere alla sua opinione, dobbiamo precisare che Marcello Carli ha sostenuto in pieno Dellai alle provinciali del 2008.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni