Home | Interno | Politica | Dellai profondamente indignato dalla politica nazionale

Dellai profondamente indignato dalla politica nazionale

«Se si andasse a elezioni anticipate, il Paese potrebbe perdere in breve i risultati di un anno di duri sacrifici»

image

Inevitabilmente il presidente Dellai, che si candiderà alle prossime elezioni politiche, ha rilasciato oggi un suo duro commento sulla situazione nazionale, dopo che Berlusconi ha annunciato le sue buone intenzioni a ricandidarsi e, se necessario, a far cadere il Governo Monti per anticipare il voto.
«Sono molto preoccupato – ha detto – perché il Paese potrebbe perdere in brevissimo tempo tutta la credibilità conquistata in un anno di pesanti sacrifici imposti a tutti i cittadini.
«Il pericolo maggiore sta nella possibilità che la speculazione internazionale torni a interessarsi all’Italia.»
 
A questo aspetto se ne dovrebbe aggiungere un altro.
Allo stato, il presidente Dellai è ancora presidente della Provincia autonoma di Trento.
Nel caso di elezioni anticipate, anzitutto dovrebbe dimettersi anzitempo dalla carica di Governatore. La questione è percorribile, ma non consentirebbe un passaggio morbido dalla sua alla prossima presidenza.
Inoltre, non è detto che possa farlo perché, nel caso non venisse approvata una nuova legge elettorale, sarebbe fuori tempo massimo per le dimissioni. Non è necessario che debba essere eletto per assumere una importante carica amministrativa, ma si tratterebbe comunque di un risultato a metà.
 
Dellai si è lamentato anche delle proposte assurde di «premi di maggioranza troppo lontani dalle espressioni popolari». Noi stessi avevamo riso della possibilità fantasiosa dei «due premi di maggioranza».
Ma il pericolo maggiore per Dellai sta nel fatto che il Paese non lo conosce ancora quanto basta per riconoscerlo come leader. Non solo, anche il partito Italia Futura, secondo i sondaggi, non è abbastanza conosciuto. Insomma c’è bisogno di tempo affinché tutte le carte gettate sul tavolo possano divenire un gioco a tutti gli effetti.
Insomma, se fosse vero che Berlusconi volesse rientrare sulla scena politica per impedire che passi la legge che non consente aii condannati di candidarsi, ha detto Dellai, sarebbe davvero da irresponsabili.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni