Home | Interno | Politica | Monti ha pubblicato in Internet il suo programma di legislatura

Monti ha pubblicato in Internet il suo programma di legislatura

Si legge: «Insieme abbiamo salvato l'Italia dal disastro. Ora rinnoviamo la politica»

Il presidente uscente Mario Monti ha pubblicato il suo programma per la prossima legislatura su Twitter.
In questo modo Monti ha spiazzato Berlusconi, ma soprattutto Bersani, perché finora è l’unico ad aver presentato un programma di legislatura: non si è limitato a dire quel che bisogna fare, ma lo ha anche spiegato nei dettagli operativi.
ll programma è stato concordato con i partiti del centro (non con tutti peraltro).
Chi vuole leggere il programma (sono 25 pagine) può aprirlo tramite il link a pié di pagina.

Di tutto ciò che abbiamo letto, abbiamo riportato nel titolo del nostro articolo il concetto che più condensa il suo programma di legislatura: «Insieme abbiamo salvato l'Italia dal disastro. Ora va rinnovata la politica».
Condividiamo in pieno il proposito, anche perché finora Monti è stato lontano dalla politica. Lo si vede ogni volta che i suoi decreti, salvando l’Italia, hanno lasciato profondi danni collaterali.
Tradotto in parole concrete, Monti è il primo ad avere bisogno di politica così come la politica ha bisogno di lui.
Per questo ci piace che abbia invocato il rinnovo della politica (che in questa legislatura ha lasciato proprio un cattivo esempio), ma adattiamo il suo slogan con quello che segue:
«Monti ha salvato l’Italia dal disastro, adesso facciamolo diventare un grande politico.»

Tramite questo link, il programma di Monti

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Concetta 26/12/2012
Piuttosto impegnativo, il programma di Monti affronta tutte le problematiche politiche, sociali ed economiche, con riferimento sia all'Europa, che all'economia interna. Senza, comunque, dimenticare le realtà territoriali locali. Forse mancano alcuni riferimenti agli impegni presi dal precedente governo ( Tav e Ponte sullo Stretto). Apprezzo il riferimento alle liberalizzazioni, ma ritengo che si debbano estendere anche a caste che finora non sono state toccate. Spero,però, che si vogliano salvare servizi essenziali, con modalità che non necessariamente escludano il privato. Infine, avrei gradito un riferimento ai settori bancari ed assicurativi, nel senso di riservare allo Stato modalità di controllo tali da impedire quanto accaduto in America.

Redazione: Le realtà locali le rispetterà se un politico provenienti dalle realtà locali entrerà nell'esecutivo. La Tav ha confermato che si farà. La decisione sul Ponte di Messina è stata rinviata per poter pagare solo tra due anni le penali alle società incaricate. Per quanto riguarda le caste, copminciamo col cambiare questo parlamento...
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni