Home | Interno | Politica | «Come si può avere chiarezza alla Camera e confusione al Senato»

«Come si può avere chiarezza alla Camera e confusione al Senato»

Per il Consigliere provinciale Mario Magnani, dopo le elezioni politiche 2013 le future posizioni nella coalizione provinciale non saranno così semplici da ricostruire

«Mettendomi dalla parte dei cittadini, regna sovrana la confusione. Come si fa ad andare separati alla Camera, con candidati premier diversi, mentre al Senato c'è il volemose ben».
Mario Magnani, consigliere provinciale del Gruppo misto, esce dall'incontro di maggioranza con la sensazione che le future posizioni nella coalizione provinciale non siano così semplici da ricostruire.
«Anche l'Upt, seguendo il progetto di Dellai che sostiene Monti come premier, alternativo a Bersani, complica la situazione».
 
Queste in sintesi le posizioni delle formazioni politiche secondo la visione di magnani: Verdi ed Idv appoggeranno Ingroia e la sua Rivoluzione civile, Upt e Udc sono per Monti, Pd-Patt e Magnani (Gruppo Misto) sono per Bersani Presidente del Consiglio.
Michele Nicoletti, segretario del Pd trentino, ha cominciato la riunione augurandosi «una campagna elettorale educata, sia per la Camera che per il Senato» e auspicando che si possa poi tornare ad un clima collaborativo in vista delle Provinciali.
Marco Boato ha fatto quindi il quadro delle precedenti tre competizioni elettorali nazionali ed ha sottolineato come «Idv e Verdi non siano stati accettati dal Pd nazionale», dichiarando quindi l'appoggio a «Rivoluzione Civile».
Boato, assieme a Salvatore Smeraglia, segretario regionale Idv, ha chiesto di poter proporre un proprio candidato (e farlo appoggiare dalla maggioranza provinciale) al Senato.
Dopo l'ovvio responso negativo dei presenti, si sono comunque augurati di poter continuare nel dialogo provinciale dal 26 febbraio.
 
«Quella del Patt – commenta Magnani – è stata in fondo la risposta più coerente rispetto al quadro generale, considerando l'accordo con la Svp alla Camera e con Pd ed Svp per il Senato.»
Altro segno di incongruenza, secondo Magnani, è quello manifestato da Vittorio Fravezzi, segretario Upt, che ha ricordato come «l'Upt sia diverso dalla Lista Monti, ma la appoggi».
L'Upt richiede un proprio seggio al Senato, «però deve essere chiaro l'appoggio a Bersani – spiega Magnani – altrimenti c'è il rischio di perdere parte dell'elettorato del collegio».
 
Un equilibrio provinciale complesso sul quale pesano anche le imposizioni romane nel Pd di Tonini al Senato e Bressa alla Camera.
Magnani considera la divisione provinciale un'occasione persa da parte del centrosinistra-autonomista.
«Il cittadino – conclude – riuscirà a capire questo assemblaggio? E come si può avere chiarezza alla Camera e confusione al Senato?»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni